Home Arte I lavori di Lucio Fontana per il Duomo di Milano

I lavori di Lucio Fontana per il Duomo di Milano

Lucio Fontana mostra Duomo Milano
L'arte Novissima. Lucio Fontana per il Duomo di Milano 1936-1956

Ricorre quest’anno il cinquantenario della scomparsa di Lucio Fontana (1899-1968) e la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano rende omaggio al grande artista italo-argentino con una mostra sulla sua attività per la Cattedrale ambrosiana.

Ospitato dal 27 ottobre al 27 gennaio presso il Grande Museo del Duomo, il progetto costituisce l’occasioneper presentare al pubblico il restauro del terzo bozzetto in gesso della Quinta Porta del Duomo, creato da Fontana tra il 1955 ed il 1956, mai esposto al pubblico perché giacente presso il Cantiere Marmisti della Fabbrica.

L’arte Novissima. Lucio Fontana per il Duomo di Milano 1936-1956

L’opera è l’ultima che Fontana realizzò per il concorso indetto dalla Fabbrica nel 1950, relativo all’esecuzione della quinta porta della Cattedrale. Una competizione per la quale egli concepì prove, definite dalla Fabbrica “arte novissima”: un’arte sacra talmente moderna da non trovare posto, infine, sulla facciata della Duomo. Alla fine infatti, la porta fu assegnata a Luciano Minguzzi, vincitore del concorso ex aequo con Fontana.

In concomitanza della mostra L’arte Novissima. Lucio Fontana per il Duomo di Milano 1936-1956 sono previsti due ulteriori eventi nell’ambito della stessa. Una giornata di studi sull’arte sacra di Fontana e il posizionamento in Duomo dell’Assunta del 1972 sull’altare di Sant’Agata per la durata dell’esposizione.

L’opera è la versione bronzea di una pala d’altare che la Veneranda Fabbrica decise di fondere nel 1972 sulla base del bozzetto in gesso che l’artista modellò su richiesta dell’Ente nel 1955. Fontana avrebbe dovuto trasporre il bozzetto in marmo di Candoglia, ma il progetto rimase incompiuto.

Leggi Anche: l Romanticismo italiano in mostra a Milano