Palazzo Grassi – Punta della Dogana: presentate le prossime mostre

Pubblicità
Pubblicità

Palazzo Grassi ospita la prima grande personale italiana dedicata a Luc Tuymans e Punta della Dogana presenta la mostra collettiva Luogo e Segni, in apertura al pubblico da domenica 24 marzo 2019.

La Pelle a Palazzo Grassi

Palazzo Grassi da vita alla prima mostra personale in Italia di Luc Tuymans (Mortsel, Belgio, 1958), nell’ambito del programma di monografiche dedicate a grandi artisti contemporanei che dal 2012 a oggi si alternano a esposizioni tematiche della Pinault Collection.

La mostra, intitolata La Pelle – dal titolo del libro di Curzio Malaparte pubblicato nel 1943 che dà il noome anche a una delle tele dell’artista – è curata da Caroline Bourgeois in collaborazione con Luc Tuymans e presenta oltre 80 opere, tracciando un percorso incentrato sulla sua produzione pittorica, con una selezione di dipinti che vanno dal 1986 ad oggi, provenienti dalla Collezione Pinault, da diversi musei internazionali e da collezioni private.

Luc Tuymans è considerato uno degli artisti più influenti nel panorama internazionale: egli si dedica alla pittura sin dalla metà degli anni ’80 e lunga tutta la sua carriera contribuirà alla rinascita del medium pittorico nell’arte contemporanea. Le sue opere trattano questioni del passato e della storia recente, ma anche soggetti quotidiani tramite un repertorio di immagini provenienti dalla sfera personale e pubblica – dalla stampa, televisione o dal web – rappresentate attraverso una luce non familiare, rarefatta, restituendole in una forma rivolta a suscitare una certa inquietudine per arrivare a ottenere – come l’artista stesso ha descritto – una falsificazione autentica della realtà.

Il progetto espositivo, ideato insieme all’artista, risponde all’ottavo invito carte blanche che caratterizza i grandi progetti monografici della Pinault Collection e include un’opera site specific, realizzata da Tuymans per gli spazi di Palazzo Grassi.

Luogo e Segni a Punta della Dogana

Punta della Dogana presenta l’esposizione Luogo e Segni, a cura di Martin Bethenod, direttore di Palazzo Grassi – Punta della Dogana, e Mouna Mekouar, curatrice indipendente.

Luogo e Segni, che prende il nome dall’opera, presente in mostra, di Carol Rama, riunisce una trentina di artisti le cui opere intrattengono un rapporto particolare con il loro contesto urbano, sociale, politico, storico e intellettuale.

Morti artisti, tra cui Berenice Abbott, Trisha Donnelly, R.H. Quaytman, Wu Tsang, e nuclei di opere di Luise Lawler, Agnes Martin, Julie Mehretu, Anri Sala, Šejla Karmerić e Tatiana Trouvé, sono presentati per la prima volta nell’ambito delle mostre della Pinault Collection a Venezia.
Queste opere dialogano con alcuni dei lavori che hanno fatto la storia delle esposizioni a Punta della Dogana lungo i dieci anni dalla sua apertura nel 2009.
L’esposizione sarà accompagnata da un ampio programma di eventi, performance e incontri aperti al pubblico che avranno luogo a Punta della Dogana e al Teatrino di Palazzo Grassi.

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...