Capodanno alle terme romane di Rimske, in Slovenia

Caldi vapori, massaggi rilassanti, la luna che si specchia nelle acque delle piscine: un quadro ideale per salutare il 2018 e accogliere un 2019 all’insegna del rinnovamento e del benessere. Tutto questo alle Terme slovene di Rimske.

Nell’antichità i romani celebravano il Capodanno in marzo, in concomitanza con l’insediamento dei Consoli ma, a partire dal 153 a.C., la data venne spostata al 1° gennaio, mese dedicato al dio Giano, dio degli inizi e, per la sua doppia natura, capace di guardare al passato e al futuro e quindi al vecchio e al nuovo anno.

Anche oggi il Capodanno è il momento dei bilanci, dei buoni propositi, oltre che un’occasione per rinnovarsi: e allora perché non far partire questo rinnovamento dalla parte più profonda di noi, dedicando del tempo alla propria salute, al proprio benessere e al proprio equilibrio interiore? Alle terme Rimskeresort termale sloveno che sorge sopraun’antica fonte romana, si può dire addio al 2018 e salutare l’arrivo del 2019 immergendosi nelle calde piscine termali all’aperto, per farsi pizzicare il naso dal venticello pungente, o concedendosi lunghi bagni nelle vasche storiche, magari sorseggiando tisane di erbe di bosco, facendo piacevoli massaggi (anche di coppia) o passeggiando all’ombra delle enormi sequoie del bosco antistante il resort, sul prato che, con un po’ di fortuna, sarà coperto di neve.

Per gli edonisti non mancano nemmeno il buon cibo e il divertimento: musica, danze e i deliziosi piatti del ristorante Sofja, buoni e salutari, preparati con ingredienti locali rigorosamente di stagione.

Un soggiorno davvero rigenerante per cominciare al meglio l’anno nuovo e per gratificare sin da subito gli spiriti affaticati.

www.rimske-terme.it