Home Arte 20 appuntamento con la fotografia contemporanea al VENEZIA PHOTO

20 appuntamento con la fotografia contemporanea al VENEZIA PHOTO

376
VENEZIA PHOTO festival fotografia
© Oliviero Toscani

L’Isola di San Servolo si prepara ad ospitare la seconda edizione di VENEZIA PHOTO, festival internazionale interamente dedicato alla fotografia che porta nella città lagunare i più importanti fotografi contemporanei per una serie di workshop e incontri esclusivi, nella cornice di una città tra le più belle al mondo.

Tra i maestri fotografi sono attesi: Paolo Roversi, Erwin Olaf, Ann Ray, Oliviero Toscani, Albert Watson, Massimo Siragusa, Settimio Benedusi, Stephanie Renoma, Jean-Christophe Béchet.

I più importanti fotografi contemporanei per il VENEZIA PHOTO

Dopo l’ottimo riscontro registrato al suo esordio a febbraio scorso, VENEZIA PHOTO torna dal 25 aprile al 4 maggio 2019 e apre le iscrizioni a una nuova edizione ricca di occasioni formative che conferma la collaborazione tra la società in house della Città metropolitana di Venezia  San Servolo Srl, Les Rencontres d’Arles, festival tra i più importanti in Europa dedicati alla fotografia, e ADAP la struttura operativa francese a supporto del festival, un’intesa nata con l’obiettivo di dare vita a una grande community legata da una comune passione per la fotografia.

VENEZIA PHOTO offrirà un’immersione totale nel mondo della fotografia, con un programma articolato in oltre 20 workshop della durata di 4 giorni ciascuno, pensato per essere aperto a tutti, amatori, professionisti o principianti: una grande varietà di stage fotografici, tra teoria e pratica, in cui i partecipanti avranno l’opportunità di confrontarsi con maestri fotografi di fama internazionale, assieme ai quali apprendere i segreti della tecnica ma soprattutto riuscire a trovare la propria visione. Accanto a questo, una serie di incontri e dibattiti per arricchire la propria esperienza durante la permanenza sull’Isola, che includerà inoltre visite guidate e percorsi fotografici nella città di Venezia.

Leggi anche: Le donne anonime e universali di Ousmane Ndiaye Dago a Milano