Home Arte Women, le donne birmane meglio scatti di Fabrizio Crippa

Women, le donne birmane meglio scatti di Fabrizio Crippa

303
Fabrizio Crippa mostra Milano
Fabrizio Crippa. Women - Celebrating the beauty of humankind
Dal 28 giugno al 9 luglio, il Mondadori Megastore di Milano ospita Women – Celebrating the beauty of humankind, la mostra  fotografica di Fabrizio Crippa. Venerdi 28 Giugno 2019 dalle ore 18,30, l’evento di l’inaugurazione, sarà accompagnato dal suono vibrazionale delle campane tibetane suonate dall’ensemble Mandala Voices.
L’amore per i viaggi è ciò che da sempre guida il fotografo milanese Fabrizio Crippa e Women è il titolo della mostra fotografica relativa al suo ultimo viaggio in un paese dove il tempo sembra essersi fermato, il Myanmar.

Fabrizio Crippa, Women – Celebrating the beauty of humankind. Un vasto repertorio, ben organizzato, la fotografia come mezzo volto raccontare la storia delle persone

E’ nello stato del Chin, tra le sue montagne e fitte foreste, che risiedono remoti villaggi dove vivono le ultime donne con il volto completamente tatuato da linee e punti, tatuaggi oggi vietati e osteggiati dal Governo birmano. Ed è proprio attorno a questa usanza che sono nati miti e leggende che si tramanderanno per secoli.

Crippa ha raccolto gran parte di queste simbologie, trasformandole in un repertorio vasto e ben organizzato. Intensi gli sguardi e i ritratti delle donne, indescrivibili i colori che  regalano gli odori speziati e i profumi dolciastri di quella terra. Preziosissime testimonianze, questi scatti, degli ultimi scampoli di popolazioni che hanno saputo mantenere le proprie tradizioni, difendendole dall’esterno grazie all’isolamento della loro terra protetta dai mondi e dalla natura aspra.

Crippa, con le opere in mostra, vuole riprendere il concetto di fotografia come mezzo volto raccontare la storia delle persone, delle loro abitudini, della loro cultura e vita di ogni giorno portando la ricchezza interiore del popolo birmano a conoscenza di tutti noi.

Leggi anche: Il cielo e il mare nei lavori di Piero Guccione a Milano