Home Arte A Milano la mostra di Vincenzo Lo Sasso, Fiori di Luglio

A Milano la mostra di Vincenzo Lo Sasso, Fiori di Luglio

517
Vincenzo Lo Sasso mostra Milano
Vincenzo Lo Sasso, Fiori dell'Aglio, 2019

st art L’arte per tutti, il progetto culturale di Mondadori Store curato da Angelo Crespi, nato con l’obiettivo di presentare e valorizzare gli artisti italiani e avvicinare il pubblico all’arte contemporanea non va in vacanza. Al contrario, la rassegna prosegue per tutta l’estate con una nuova esposizione e un nuovo artista.

Vincenzo Lo Sasso è il nuovo protagonista di st art con la mostra Fiori di Luglio, dal 17 luglio al 1 settembre nello spazio eventi al 3° piano del Mondadori Megastore di piazza Duomo.

Vincenzo Lo Sasso, Fiori di Luglio. La delicatezza e l’eleganza del fiore dell’aglio ritratto in 10 tele

L’ispirazione della mostra nasce durante un soggiorno a Minorca dove l’artista rimane folgorato dalla bellezza dei fiori dell’aglio, fiori selvatici che crescono spontaneamente sull’intero territorio dell’isola. Fiore delicato dallo stelo dritto e altissimo, che raggiunge fino a 2 metri, complesso e cangiante, il fiore dell’aglio riporta alla memoria di Vincenzo Lo Sasso le immagini delle meravigliose modelle fotografate nel corso della sua precedente carriera, sviluppatasi nel mondo della moda durante gli anni Ottanta.

Lo Sasso raccoglie un centinaio di fiori e, una volta rientrato nello studio milanese, realizza una serie di immagini fotografiche, stampate su alluminio, che verranno esposte nel 2013, con una mostra itinerante, a Bari nella Chiesa della Vallisa, al Museo provinciale di Potenza e alla Cattedrale di Oria. In seguito, ispirato dalla bellezza dei soggetti, Vincenzo Lo Sasso decide di realizzare dieci quadri a olio su telache rappresentano la sua ultima, inedita produzione d’arte. E sono proprio queste le opere che esposte al Mondadori Megastore di Milano.

Fotografo, scultore e pittore, Vincenzo Lo Sasso è un artista poliedrico: dall’algida ed elegante immagine della fotografia di moda all’afflato lirico della pittura, l’artista dimostra in questa occasione una sospensione del genere astratto, tipico delle sue fotografie d’arte ispirate alla relativa produzione scultorea, varcando la soglia del figurativo.

Leggi anche: Ab Ovo, al MACRO il progetto installativo di Katia Pugach