L’amicizia tra Alda Merini e Alberto Casiraghy in mostra a Milano

Pubblicità
Pubblicità

La Casa Museo Boschi Di Stefano ospita, dal 2 ottobre al 2 novembre 2019, ALDA MERINI E ALBERTO CASIRAGHY. Storia di un’amicizia, una mostra che si inserisce nel contesto delle celebrazioni della poetessa milanese a dieci anni dalla sua scomparsa il 1° novembre 2009.

La mostra, ideata e curata da Andrea Tomasetig, è dedicata all’intenso sodalizio intellettuale e umano tra la poetessa Alda Merini e il tipografo-poeta-artista-editore brianzolo Alberto Casiraghy, un’amicizia che ha prodotto il sorprendente numero di 1.189 volumetti, di cui ne sono esposti oltre un centinaio.

ALDA MERINI E ALBERTO CASIRAGHY. Storia di un’amicizia: un sodalizio intellettuale e umano

Del legame tra i due artisti resta grande testimonianza in quei librini editi in poche preziose copie, tra le 15 e le 33 ciascuno, confluiti nel catalogo Pulcinoelefante, a cui hanno entrambi contribuito producendone in media più di uno alla settimana, Merini scrivendo aforismi o brevi poesie, Casiraghy stampando e spesso creando appositamente un’opera grafica.

Il vasto materiale di partenza, per la prima volta esaminato nella sua interezza, è stato selezionato e integrato con documenti, fotografie e cimeli messi a disposizione dallo stesso Casiraghy, per realizzare una mostra significativa nelle dimensioni e intensa nel contenuto. L’esposizione si sviluppa quindi in sei sezioniPoesieAforismiAlda e AlbertoIl mondo di AldaAmici artisti, Cimeli, che rivelano l’importanza della produzione letteraria della Merini riversata nelle edizioni Pulcinoelefante, così come quella dell’empatico editore che l’ha saputa capire e sostenere, oltre che affiancare con soluzioni grafiche sempre di grande creatività e una produzione editoriale che non ha eguali per ampiezza nell’intera vicenda letteraria nazionale.

La mostra si arricchisce inoltre di varie iniziative collaterali durante il mese di ottobre, tra cui la presentazione del catalogo delle edizioni Merini-Casiraghy a cura del bibliofilo Giorgio Matticchio, edito in tiratura limitata da Simone Bandirali, e la tavola rotonda organizzata da Andrea Tomasetig in collaborazione con De Cecco, in cui sono illustrati progetti su cibo e cultura.

Leggi anche: Souvenir, la personale di Luisa Elia a Milano

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...