Home Life Crema per tatuaggi anestetizzante, per coprire e togliere i tattoo

Crema per tatuaggi anestetizzante, per coprire e togliere i tattoo

412
Photo by Timothy Paul Smith on Unsplash
 

I tatuaggi non passano mai di moda anche se farseli non è proprio una passeggiata di salute. Tutto il procedimento è lungo e doloroso e il periodo di guarigione può durare anche diversi mesi. Ogni individuo ha una soglia del dolore diversa e per questo motivo i tatuatori si affidano alla crema per tatuaggi.

Esistono tantissimi prodotti per i tatuaggi e creme da utilizzare prima e dopo la procedura. Vediamo insieme quante tipologie di crema per tatuaggi esistono, a cosa servono e come si utilizzano.

Crema anestetizzante per tatuaggi

Realizzare un tatuaggio non è proprio una procedura piacevole. Che scegliate un disegno piccolo o grande, sappiate che avvertirete comunque fastidio e dolore. Ovviamente un tatuaggio più grande richiederà tempi di realizzazione maggiori e la ‘sofferenza’ sarà molto più lunga.

E’ vero anche che non tutte le persone avvertono il dolore con la stessa intensità e non tutte le zone del corpo sono sensibili allo stesso modo. Ci sono zone come ad esempio il collo del piede che, oltre a essere estremamente delicate e da trattare con cura, sono anche più sensibili.

Per evitare quindi che i clienti soffrano troppo durante la procedura o che si muovano e compromettano la riuscita del lavoro, i tatuatori utilizzano la crema anestetizzante per tatuaggi. Questa crema va applicata sulla zona da tatuare prima di cominciare la procedura.

Si tratta ovviamente di prodotti farmaceutici a base di lidocaina che addormentano lo strato più superficiale della pelle. Ovviamente applicare una crema non ha gli stessi effetti di un anestetico locale iniettato con una siringa. E’ possibile quindi che nonostante la crema avvertiate un leggero fastidio durante la procedura.

Leggi anche: Tatuaggi orientali significato: fiori, farfalle, disegni e simboli

Attenzione perché non tutti i tatuatori utilizzano una crema anestetica prima del tattoo. Ma state tranquilli perché sono facilmente reperibili nei negozi quindi potrete acquistarle anche da soli. Esistono tantissime tipologie di crema anestetica per tatuaggi in farmacia tra cui scegliere e che hanno tutte prezzi accessibili. Il loro funzionamento è pressocchè identico, gli ingredienti sono molto simili e non hanno effetti collaterali. Ovviamente, se siete dei soggetti allergici, vi consigliamo prima di tutto di leggere bene tra gli ingredienti e chiedere consiglio al vostro medico.

Le creme anestetizzanti per tatuaggi più conosciute e disponibili in commercio, sia nei negozi che negli store online, sono:

  • Ortodermina
  • Luan
  • Lidofast

Crema per tatuaggi bepanthenol: cosa fare dopo il tatuaggio

Queste erano le informazioni necessarie per prepararvi ad affrontare la seduta dal tatuatore. Adesso parliamo invece di come affrontare la fase post tatuaggio, ovvero come curare la pelle dopo la procedura.

La vostra pelle, subito dopo il tatuaggio, apparirà lesionata, gonfia e arrossata e dovrete seguire alla lettera le istruzioni del tatuatore per far si che la zona guarisca bene e il tatuaggio non sbiadisca.

Subito dopo aver terminato il suo lavoro, il tatuatore stenderà una crema su tutta la zona e coprirà il tatuaggio avvolgendo tutto con della pellicola trasparente. Questo viene fatto per veitare che la pelle lesionata entri a contatto con germi e batteri e che si contraggano infezioni. Le prime ore post tatuaggio sono le più importante e dovrete fare estrema attenzione a tenere la zona pulita e al sicuro. Come tutte le ‘ferite’, la vostra pelle avrà bisogno di un po’ di tempo per guarire e cicatrizzare al meglio. Se non seguirete alla lettera le istruzioni del tatuatore potreste ritrovarvi con una brutta infezione e un tatuaggio imperfetto.

Leggi anche: Tatuaggi siberiani simboli e significato dei tattoo di Educazione Siberiana

Dopo aver avvolto la zona nella pellicola, il tatuatore vi fornirà tutti i prodotti che vi serviranno per prendervi cura della pelle tatuata. Avrete bisogno di un detergente specifico per tatuaggi, non aggressivo sulla pelle, per pulire tutta la zona e di una crema idratante e lenitiva a base di pantenolo per curare le ferite.

Due ore dopo la seduta, lavate bene le mani, rimuovete la pellicola e lavate la zona delicatamente con il detergente che avete acquistato. Questo vi aiuterà a eliminare eventuali residui di sangue. Risciacquate con acqua tiepida e asciugate con garza sterile, tamponando senza fregare. Applicate poi la crema e ricoprite di nuovo con la pellicola.

Il giorno successivo, ripetete la pulizia della zona e riapplicate la crema. Se vi è possibile, evitate la pellicola per lasciar respirare la pelle ma ricordatevi di applicare tre o quattro volte al giorno la crema. Pulite la zona con il detergente almeno due volte al giorno, la mattina e la sera.

Il periodo di cicatrizzazione della ferita vari da persona a persona ma di solito non dura più di due settimane. Se durante questo periodo avvertite bruciore, rossore o dolore, contattate immediatamente il vostro medico o rivolgetevi ad un pronto soccorso medico.

Leggi anche: Tatuaggi indiani significato, simboli, femminili e sulle mani

I prodotti per la cura e la cicatrizzazione del tatuaggio sono davvero tantissimi in commercio ma ce ne sono alcuni che sono considerati i migliori. La crema per tatuaggi Bepanthenol è considerata la migliore per il trattamento post tatuaggio. Oltre ad avere un prezzo accessibile, sembra essere anche la più efficace.

Un consiglio: se vi viene detto di applicare della semplice crema idratante sulla zona lesionata, non fatelo. Molte creme economiche in commercio contengono paraffina, una sostanza derivante dal petrolio che non fa certo bene alla pelle tanto meno lesionata. Anche la vaselina è fuori discussione poiché essa altro non è che paraffina liquida.

Se non avete ricevuto istruzioni sulla cura post tatuaggio né tantomeno indicazioni su quali prodotti scegliere, vi segnaliamo la linea Tattoo Defender. Questi prodotti, oltre a essere italiani e completamente naturali, sono anche i più amati dalla tattoo community. I prezzi sono contenuti e se volete potete acquistare il kit completo online sul sito web ufficiale.

Crema per coprire tatuaggi

A volte capita che i tatuaggi non vengano accettati in alcuni contesti, specialmente lavorativi. Ecco perché in commercio spuntano sempre nuovi prodotti per coprire i tatuaggi. Più che creme, questi prodotti sono dei veri e propri cosmetici.

Non si tratta ovviamente di semplici fondotinta o correttori, come quelli che si usano tutti i giorni per sembrare più belli e senza imperfezioni. Quelli per coprire i tatuaggi sono dei prodotti con un’altissima concentrazione di pigmenti colorati: un po’ come un fondotinta sotto steroidi.

In commercio potete trovare tantissimi prodotti per coprire i tatuaggi ma non è detto che tutti funzionino allo stesso modo. Che vogliate coprire un tatuaggio piccolo o grande, avrete bisogno di un prodotto ad altissima coprenza, resistente all’acqua e al sudore e che sia a prova di stampo. Insomma, avrete bisogno di un prodotto che copra il tatuaggio e che vi resti appiccicato fino a fine giornata.

Una delle linee più amate per la copertura dei tatuaggi e le imperfezioni della pelle è la Dermablend di Vichy. Per avere un risultato ottimale, avrete bisogno di un correttore, un fondotinta e anche di una cipria traslucida che fissi il tutto. I prodotti Vichy Dermablend sono disponibili nelle migliori farmacie.

Per ulteriori informazioni visitate il sito ufficiale Vichy Dermablend

Un altro prodotto ottimo per la copertura dei tatuaggi è il fondotinta/correttore Dermacol. Al prezzo di soli 12 euro, potrete nascondere i vostri tattoo in tutta sicurezza. Ovviamente, come sempre, dopo la stesura del fondotinta Dermacol, dovrete applicare una cipria traslucida per fissare.

Crema per togliere tatuaggi

In commercio al giorno d’oggi ci sono tantissime creme che promettono di eliminare i tatuaggi con poche applicazione ma, ci dispiace dirlo, non sono efficaci. Innanzitutto, per capire come eliminare un tatuaggio, dobbiamo prima capire cosa succede al nostro corpo quando viene eseguito un tatuaggio.

Per realizzare un tatuaggio, il tatuatore utilizza uno strumento, simile a una penna, dotato di aghi che iniettano inchiostro sotto la pelle. I pigmenti di colore si depositano nel derma, il secondo strato più profondo della pelle. Con il tempo, i macrofagi, considerati gli spazzini dell’organismo, tentano di rimuovere l’inchiostro dal derma senza riuscirci del tutto. I pigmenti di colore, infatti, sono troppo grandi affinché i macrofagi possano eliminarli. Questo rende il tatuaggio permanente.

L’unico modo per eliminare del tutto i pigmenti di colore dal derma è rendere le sue particelle così piccole da poter essere eliminate dai macrofagi ed espulse dall’organismo. Questo procedimento richiede necessariamente l’utilizzo di un laser che ‘sbriciola’ i pigmenti di colore che vengono poi eliminati.

Affidarsi a creme di cui non si conosce bene la provenienza né tantomeno gli ingredienti e gli effetti che possono avere sulla pelle, è un rischio enorme che non vale la pena correre. Sappiamo benissimo che la rimozione dei tatuaggi è una procedura lunga, dolorosa e costosa ma è sempre meglio affidarsi ad uno specialista per evitare danni permanenti.

Leggi anche: Rimozione tatuaggi laser: costo, controindicazioni e info utili