Home Arte Gli scatti di  Letizia Battaglia in mostra a Palazzo Reale

Gli scatti di  Letizia Battaglia in mostra a Palazzo Reale

849
Letizia Battaglia mostra Milano
© Letizia Battaglia | Letizia Battaglia, Lunedì di Pasquetta a Piano Battaglia, 1974
 

Dal 5 dicembre al 19 gennaio, gli spazi espositivi di Palazzo Reale a Milano, ospitano la mostra Storie di strada, una grande retrospettiva con oltre 300 fotografie che riscostruiscono per tappe e temi la vita professionale di Letizia Battaglia.

Promossa da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale e Civita Mostre e Musei, la mostra anticipa con la sua apertura il palinsesto I talenti delle donne, promosso e coordinato dall’Assessorato alla Cultura, che durante tutto il 2020 proporrà iniziative multidisciplinari – dalle arti visive alle varie forme di spettacolo dal vivo, dalle lettere ai media, dalla moda alle scienze– dedicate alle donne protagoniste nella cultura e nel pensiero creativo.

Storie di strada, Letizia Battaglia. Una rassegna che abbraccia l’intera vita professionale dell’artista siciliana

Con circa 300 fotografie, molte delle quali inedite, Storie di strada attraversa l’intera vita professionale della fotografa siciliana e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo costruito su diversi capitoli e tematiche. I ritratti di donne, di uomini o di animali, o di bimbi, sono solo alcuni capitoli che compongono la rassegna; a questi si aggiungono quelli sulle città come Palermo, e quindi sulla politica, sulla vita, sulla morte e sull’amore, e due filmati che approfondiscono la sua vicenda umana e artistica.

Il percorso espositivo si focalizza sugli argomenti che hanno costruito la cifra espressiva più caratteristica di Letizia Battaglia, che l’ha portata a fare una profonda e continua critica sociale, evitando i luoghi comuni e mettendo in discussione i presupposti visivi della cultura contemporanea. Quello che ne risulta è un vero ritratto, quello di un’intellettuale controcorrente, ma anche una fotografa poetica e politica, una donna che si interessa di ciò che la circonda e di quello che, lontano da lei, la incuriosisce.

Leggi anche: Adriana Bisi Fabbri, al Museo del 900 una mostra sull’artista italiana