Gli appuntamenti online della Collezione Peggy Guggenheim

Pubblicità
Pubblicità

Da tre settimane la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, chiusa al pubblico in ottemperanza alle disposizioni del Governo, ha lanciato sui propri canali social un fitto programma di appuntamenti settimanali per continuare diffondere i propri contenuti e la propria storia ad un pubblico quanto  mai ampio ed eterogeneo acuminato dall’amore per l’arte.

Accanto all’hashtag #IoRestoaCasa, ci sono l’#LArteResiste, #MySweetQuarantine, un progetto social lanciato dallo scrittore e influencer Paolo Stella, a cui il museo aderisce con gli Art Talk, e l’internazionale #MuseumFromHome, adottato da moltissimi musei a livello globale.

Ogni settimana, grazie una newsletter al quale ci si può iscrivere gratuitamente, il pubblico è tenuto al corrente di tutte le attività online del museo, presente sette giorni su sette sulle piattaforme Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn, con un  vasto palinsesto di appuntamenti.

La programmazione settimanale della Collezione Peggy Guggenheim

Ogni lunedì, la rubrica “Lo sapevate che..”, aneddoti e curiosità poco noti su alcune opere in collezione o su Peggy Guggenheim, e a chiudere la giornata è “Voice Your Choice”: siete voi a scegliere un’opera del museo, e noi ve la raccontiamo.

Il martedì gli stagisti del museo si cimentano in brevi Art Talk, pillole video dal taglio originale e insolito per approfondire un’opera e il suo autore, mentre la sera sulle “story” dell’account Instagram il pubblico viene coinvolto negli Art Quiz: domande a risposta multipla per ripassare la storia dell’arte del ‘900.

Il mercoledì la parola è data allo staff che condivide un’immagine e un pensiero legato al museo, mentre nella fascia serale prosegue la rubrica “Voice Your Choice”.

Il giovedì la parola torna agli stagisti, che con foto creative raccontano il loro punto di vista, e la giornata si chiude con un ulteriore ripasso della storia dell’arte durante il secondo appuntamento settimanale con gli Art Quiz.

Il venerdì sull’account SoundCloud del museo sono trasmessi in streaming brani, in italiano e in inglese, tratti dall’autobiografia di Peggy Guggenheim “Una vita per l’arte”. È la stessa Karole P. B. Vail, direttrice della Collezione, a prestare la sua voce per le letture in inglese della biografia della nonna.

Il sabato è il momento di approfondire i contenuti legati alla mostra Migrating Objects, attraverso immagini e interventi video di diversi membri del comitato curatoriale.

Infine la domenica è da sempre il momento che il museo dedica ai più piccoli con i Kids Day. E così l’attività didattica prosegue anche virtualmente, grazie a brevi tutorial che permettono ai bambini di mantenere viva la pratica artistica, sempre partendo dalle opere del museo.

Leggi anche: Riproduci la tua opera, la sfida social del Getty Museum

correlati

Immersi nella natura nel Glamping sostenibile che galleggia sui Laghi Nabi

Gli alberi si specchiano sulle acque dei laghi, facendo capolino tra i colori vividi del cielo, mentre paesaggi luminosi si stagliano verso l’orizzonte, creando...

Degas: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Edgar Degas fu un pittore e scultore parigino dell'ottocento, inizio novecento. Sebbene sia del periodo degli impressionisti e da molti considerato come uno dei...

I borghi più suggestivi dell’Alto Adige

Tirolo è il nome del paese che si trova appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante castello da cui prende il nome. Si tratta di...

L’italian Luxury Living di Sean by Borzalino

Elegante poltrona con struttura in legno rovere o noce Canaletto dal classico appeal scandinavo, Sean risulta abbinabile, in contrasto, con qualsiasi divano. Seduta e schienale in...