Laboratori per tutti, l’iniziativa social di Palazzo Grassi

Pubblicità
Pubblicità

In questi giorni di quarantena forzata la noia rischia di farla da padrona e  Palazzo Grassi – Punta della Dogana di Venezia viene incontro al suo pubblico lanciando online, una serie di nuovi “Laboratori per tutti” sul sito e sugli account Instagram e Facebook con l’hashtag #palazzograssiatyours.

In collaborazione con ospiti d’eccezione attivi nei diversi ambiti della creatività contemporanea, dal design alla scrittura. Il pubblico è invitato a partecipare alle attività, seguendo semplici indicazioni per stimolare punti di vista inediti sulla propria quotidianità.

Questa la task: Come può un incontro causale tra due o più oggetti domestici, suggerire una combinazione cromatica insolita? Una volta scelti gli oggetti, fotografali e condividi lo scatto con l’hashtag #PalazzoGrassiatyours e una tua piccola storia.

Palazzo Grassi – Punta della Dogana, una serie di laboratori per stimolare punti di vista inediti sulla quotidianità

Dal 8 al 13 aprile, il primo appuntamento è con l’illustratice Olimpia Zagnoli che propone il laboratorio Libro viola incontra bottiglia verde, che invita a riflettere su come un incontro causale tra due o più oggetti domestici possa suggerire una combinazione cromatica insolita.

Olimpia Zagnoli nasce a Reggio Emilia. Dopo anni di scarabocchi diventa illustratrice e comincia a collaborare con The New York Times, The New Yorker, La Repubblica, Prada, Taschen e tanti altri. Il suo stile è caratterizzato da forme morbide e colori camaleontici.

GIORNO 1

Palazzo Grassi laboratori per tutt

“Questa mattina stavo facendo una spremuta e mi è caduto l’occhio su un ovale marrone che risponde al nome di kiwi e un limone, neanche a dirlo, giallo limone. Il loro incontro casuale, sul fondo del cestino della frutta, mi ha fatto pensare ad un sapore perfettamente bilanciato con una piccola punta di stupore. Una donna distinta che vista da dietro sembra indossare un completo distinto, ma quando si gira Zac! Ci colpisce con una piccola saetta” Olimpia Zagnoli.

GIORNO 2

Palazzo Grassi laboratori per tutti

“Nel ripiano sotto al lavandino c’è una moltitudine di bottigliette e flaconi. Caotici, talvolta tossici, infiammabili. Vengono chiamati per nome: Viakal, Cif, Dash. Si riconoscono per l’etichetta o per la forma della loro confezione. Soltanto uno non ha bisogno di pubblicità e spunta tra gli altri per via del suo colore. Rosa come una grande donna con otto braccia e rosso come un bottone di allarme.” Olimpia Zagnoli

Nelle prossime settimane seguiranno i laboratori creati del team di studio saòr, della scrittrice Ryoko Sekiguchi, del designer Giulio Iacchetti e presto saranno annunciati gli ospiti successivi.

Leggi anche: Un viaggio in tre video-tappe per celebrare Raffaello

correlati

Émulsion Exquise arricchisce la linea à la Rose Noire di Sisley

Nel 2011, Sisley studia i benefici di una rosa eccezionale e lancia Masque Crème à la Rose Noire. Oltre alla sua incredibile sensorialità, l’immediata efficacia su vitalità, freschezza...

Robert Doisneau: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue fotografie

Robert Doisneau è uno dei fotografi considerati tra i più popolari della fotografia umanistica. Nato agli inizi del 1900 in Francia, si avvicina alla...

David Michelangelo: 10 cosa da sapere

Il David di Michelangelo non è solo un'opera o una scultura, ma è molto di più. E' un simbolo che rappresenta Firenze e tutta...

Ponza: 10 cose da fare e da vedere sull’isola

L'isola di Ponza è certamente una delle isole più belle e frequentate del litorale laziale. Ponza, che vive principalmente di turismo, durante l'estate è...