Il giardino d’Arcadia, la mostra collettiva alla Gilda Contemporary Art

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Gilda Contemporary Art ospita, dal 27 maggio al 30 giugno, Il giardino d’Arcadia, mostra collettiva a cura di Andrea Lacarpia. Un progetto che riunisce le opere di 13 artisti di diverse generazioni con l’intento di indagare i diversi approcci delle arti visive nei confronti di un ambito complesso e inafferrabile come quello della natura.

L’inaugurazione della mostra, il 27 maggio alle ore 19, verrà realizzata attraverso una diretta sui canali social della galleria, con Cristina Gilda Artese, direttore artistico della galleria, e Andrea Lacarpia, curatore della mostra.

Il giardino d’Arcadia, un giardino in cui la vegetazione e le diverse espressioni dell’immaginario artistico convivono armoniosamente

Il giardino d’Arcadia pone molteplici spunti di riflessione sul rapporto tra arte e natura come parti di un unico ecosistema e, in un momento di graduale ritorno alle attività nel contesto cittadino e di speranza per un superamento dell’emergenza sanitaria, la mostra diviene metafora della capacità di rinnovamento della natura. Il progetto unisce diversi mezzi espressivi, come dipinti, sculture, installazioni, elaborazioni digitali e video, messi in relazione con piante vive inserite nell’allestimento. La galleria diventa così un giardino in cui la vegetazione e le diverse espressioni dell’immaginario artistico convivono armoniosamente, accomunate dalla stessa energia vitale.

Nelle opere il soggetto natura è declinato con modalità che vanno dalla riflessione mitico-filosofica, spesso rivolta all’individuazione di una dimensione originaria, alla costruzione di un immaginario post-naturale che ibrida forme biologiche e prodotti dell’uomo per esprimere le attuali trasformazioni nella percezione di naturale e artificiale. Il mito dell’Arcadia, luogo lontano dalle città che gli antichi greci consideravano dimora delle divinità silvestri, nella storia si è evoluto andando a simboleggiare la necessità dell’uomo di ritrovare una natura selvaggia e primigenia, tra realtà e idealizzazione.

Come nei giardini d’Arcadia neoclassici, la mostra allinea sullo stesso piano narrativo l’esperienza concreta dei processi vitali e la rappresentazione visiva con cui si mette in scena un giardino immaginario. La galleria si trasforma in un “teatro della natura”, ecosistema in cui le forme e i processi biologici, tra opere d’arte e piante, possono assumere una valenza magica e trascendente perché lontane dall’esperienza quotidiana. Il paesaggio diviene mappa dell’inconscio collettivo, di cui lo spazio espositivo è espressione visiva, tra simbologie millenarie e bizzarre ibridazioni che uniscono l’uomo, le piante e gli animali alla stessa psiche collettiva.

Leggi anche: BACK TO DANCE, GLI SCATTI DI 3 FOTOGRAFI SUL TEMA DELLA DANZA

correlati

Design in cucina con R1 di Rastelli

Grande classico per il mondo della moda, il nero è ormai un colore di riferimento anche per il mondo del design. Elegante e senza...

Zehra Doğan al PAC nella Giornata contro la Violenza sulle Donne

Il 25 novembre 2020, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano inaugura una...

Esce su Amazon Prime Video e Chilli il docufilm su Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera il docufilm sulla vicenda umana ed artistica della più famosa pittrice della storia dell'arte sarà distribuito il 25 novembre 2020, giornata internazionale...

Le iniziative del MANN per i 40 anni del terremoto dell’Irpinia

A quarant'anni dal terremoto che il 23 novembre 1980 devastò la regione Campania, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta, lo stesso giorno in anteprima...