A Palazzo Grassi due monografiche su Henri Cartier-Bresson e Youssef Nabil 

Pubblicità
Pubblicità

Le sale espositive di Palazzo Grassi a Venezia riaprono al pubblico accogliendo, dall’11 luglio  2020 al 10 gennaio 2021, due importati mostre monografiche: Henri Cartier-Bresson. Le Grand Jeu e Once Upon a Dream dedicata all’artista Youssef Nabil. 

Henri Cartier-Bresson. Le Grand Jeu, lo sguardo di cinque curatori sull’opera di Cartier-Bresso a Palazzo Grassi

alazzo Grassi Henri Cartier-Bresson Youssef Nabil 
Henri Cartier-Bresson, Simiane-La Rotonde, France, 1969, Épreuve gèlatino-argentique de 1973 | © Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

Realizzata in collaborazione con la Bibliothèque nationale de France, dove la mostra sarà presentata nella primavera 2021, e con la Fondation Henri Cartier-Bresso, Henri Cartier-Bresson. Le Grand Jeu mette a confronto lo sguardo di cinque curatori sull’opera di Cartier-Bresson (1908 – 2004), e in particolare sulla “Master Collection”, una selezione di 385 immagini che l’artista ha individuato agli inizi degli Settanta, su invito dei suoi amici collezionisti Jean e Dominique de Menil, come le più significative della sua opera.

La fotografa Annie Leibovitz, il regista Wim Wenders, lo scrittore Javier Cercas, la conservatrice e direttrice del dipartimento di Stampe e Fotografia della Bibliothèque nationale de France Sylvie Aubenas, il collezionista François Pinault, sono stati invitati a loro volta a scegliere ciascuno una cinquantina di immagini a partire dalla “Master Collection” originale, della quale esistono cinque esemplari. Attraverso la loro selezione, ognuno di loro porta, nelle sale di Palazzo Grassi, la propria visione personale della fotografia, e dell’opera di questo grande artista.

Once Upon a Dream, immagini realizzate con una tecnica tradizionale egiziana da Youssef Nabil

Palazzo Grassi Henri Cartier-Bresson Youssef Nabil 
© Youssef Nabil | Youssef Nabil, Say Goodbye, Self Portrait, Alexandria, 2009

Affianca la mostra dedicata a Cartier-Bresso, che occupa il primo piano di Palazzo Grassi,  una monografica sull’artista Youssef Nabil (Il Cairo, 1972), dal titolo Once Upon a Dream. Le opere in mostra, realizzate con la tecnica tradizionale egiziana largamente utilizzata per i ritratti fotografici di famiglia e per i manifesti dei film che popolavano le strade de Il Cairo, sono fotografie successivamente dipinte a mano da Youssef Nabil e restituiscono la suggestione di un Egitto leggendario tra simbolismo e astrazione.

La ricerca dei reperti identitari, le preoccupazioni ideologiche, sociali e politiche del XXI secolo, la malinconia di un passato lontano sono i soggetti che Nabil predilige nella sua ricerca artistica. L’esposizione invita a un’immersione libera nella carriera dell’artista attraverso sezioni tematiche che riproducono i suoi primi lavori fino alle opere più recenti. Ad arricchire il percorso la produzione video di Nabil con i suoi tre video Arabian Happy Ending, I Saved My Belly Dancer e You Never Left.

Leggi anche: UNTITLED, 2020TRE SGUARDI SULL’ARTE DI OGGI A PUNTA DELLA DOGANA

correlati

Prescindere da te, il nuovo brano di GIULIA

Venerdì 30 ottobre esce il singolo Prescindere da te, il nuovo lavoro di GIULIA (Giulia Luzi). GIULIA, reduce dal grande successo di Mon Amour,...

FUORI, l’edizione 2020 della Quadriennale d’Arte di Roma

Inaugura il 29 ottobre 2020 al Palazzo delle Esposizioni a Roma, l'edizione 2020 della Quadriennale d’arte, dal titolo FUORI. Curata da Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol,...

Divine e Avanguardie. Le donne nell’arte russa, a Milano

Icone, Sante e Zarine, Mogli, Madri e Figlie, corpi nudi ritratti nelle tele e Artiste dietro il pennello. Sono le donne le protagoniste indiscusse...

C0C The Festival as a Performance dal 5 novembre 2020

Il progetto C0C The Festival as a Performance è stato pensato fin dall'inizio come adattabile ai decreti e alle ordinanze in vigore, quindi ibrido...
Pubblicità