Turi Simeti, a Milano la personale alla Dep Art Gallery

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Turi Simeti, è il protagonista della stagione autunnale alla Dep Art Gallery di Milano con una mostra personale che, fino al 22 dicembre, celebra i 60 anni di carriera dell’artista siciliano.

L’esposizione, dal titolo Turi Simeti. Opere 1960 – 2020, è curata da Demetrio Paparoni e, con venti tele di grande formato, si presenta come una vera e propria mostra antologica di Simeti, personaggio chiave nell’ambito della pittura aniconica e volumetrica degli anni Sessanta, sviluppatasi a Milano attorno alla figura di Lucio Fontana.

Turi Simeti mostra Milano
Turi Simeti, 96 ovali bianchi, 1965, collage di tela su tela, cm 130 x 150

Turi Simeti. Opere 1960 – 2020. Una mostra antologica dedicata ad personaggio chiave nell’ambito della pittura aniconica e volumetrica degli anni Sessanta

Fin dai primi anni degli anni 60, Simeti ha concepito il quadro come un oggetto autonomo che non illustra, non racconta e non raffigura.  Si tratta di un’oggetto autonomo che si staglia nello spazio come un’altorilievo, a metà strada tra quadro e scultura.  Ha tutti gli elementi che costituiscono un quadro – telaio, tela, colore – e nasce per essere appeso a parete, ma avendo un corpo e un volume è anche scultore, poiché supera la dimensione bidimensionale del quadro.

Turi Simeti sperimenta negli stessi anni, e negli stessi luoghi, di Enrico Castellani, Agostino Bonalumi e Paolo Scheggi, agli inizi degli anni Sessanta sulla spinta teorica e formale dei buchi e dei tagli di Lucio Fontana. Nei suoi lavori, come in quelli dei suoi colleghi, c’è già il germe delle dinamiche di pensiero che porteranno poi alla pittura analitica e all’arte concettuale.

Turi Simeti mostra Milano
Turi Simeti, 7 ovali ocra, 2019, olio su tela, 150×150 cm

L’opera di Simeti è un oggetto sorretto da una vera e propria architettura interna il cui elemento primario è l’ovale, che diventa segno distintivo della sua produzione artistica. Un corpo la cui superficie, la tela, altro non è che la pelle che lo ricopre, tesa fino al massimo, per evidenziare e al tempo stesso celare allo sguardo la solida struttura portante.

Leggi anche: PHOTOFESTIVAL 15TH, TORNA IN AUTUNNO LA RASSEGNA DI FOTOGRAFIA D’AUTORE DI MILANO

correlati

Il Rossetto Liquido Matt Pro Ink by CATRICE, a prova di mascherina

Il Rossetto Liquido CATRICE Matt Pro Ink non solo è perfetto per le video chiamate, video lezioni o le giornate di lavoro da casa (un tocco...

Luca Giordano, la mostra a Capodimonte torna sulle piattaforme digitali

Fino al 31 dicembre il Museo e Real Bosco di Capodimonte accoglie i visitatori sui propri canali social con pillole d’arte e la visita virtuale alla mostra...

Zehra Doğan al PAC nella Giornata contro la Violenza sulle Donne

Il 25 novembre 2020, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano inaugura una...

Esce su Amazon Prime Video e Chilli il docufilm su Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera il docufilm sulla vicenda umana ed artistica della più famosa pittrice della storia dell'arte sarà distribuito il 25 novembre 2020, giornata internazionale...