Enzo Mari torna alla Galleria Milano con i suoi “falce e martello”

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

La Galleria Milano presenta, dal 30 settembre 2020 al 31 gennaio 2021, Enzo Mari. Falce e martello. Tre dei modi con cui un artista può contribuire alla lotta di classe. Una riproduzione fedele della mostra con la quale il 9 aprile del 1973, Carla Pellegrini ha inaugurato la nuova sede della Galleria Milano in via Turati/via Manin; ricostruita filologicamente grazie ad un’operazione di ricerca che ha coinvolto principalmente l’Archivio della Galleria Milano e l’Archivio Enzo Mari

A distanza di quasi cinquant’anni, nell’abisso che separa la percezione del simbolo dagli anni Settanta ai giorni d’oggi la mostra, attraverso lo sguardo di allora di Mari, interpreta il cambiamento epocale che ha attraversato la società italiana, il tessuto culturale del paese e lo spirito più profondo della città di Milano nell’ultimo mezzo secolo.

Enzo Mari. Falce e martello. Tre dei modi con cui un artista può contribuire alla lotta di classe. 

Enzo Mari mostra Milano
Falce e martello, 1972-1973 bandiera in lana serigrafata a due colori

Personale di uno dei più grandi artisti e designer italiani, Enzo Mari, la mostra del 1973 suscitò grande scalpore e successo di pubblico, nascendo da un esercizio proposto ad una studentessa, Giuliana Einaudi, di studio di un simbolo diffuso e noto a tutti: la falce e martello. Il punto di partenza fu una raccolta di dati, in cui vennero confrontati emblemi riprodotti sui muri, le comunicazioni di partito, i volantini, nel tentativo di allargare la ricerca a più luoghi possibili. Il secondo momento fu la progettazione di un simbolo di qualità esteticamente elevata, per giungere alla conclusione che il valore formale non incide sul significato veicolato.

Da qui le opere in mostra, raffiguranti tutte la falce e martello: i due singoli oggetti d’uso, il simbolo progettato in studio, una grande scultura lignea, bandiere in lana serigrafate in diversi colori, una litografia riproducente la ricerca con 168 simboli, una serigrafia in due colori. Questi ultimi tre elementi furono inclusi insieme ad una piccola pubblicazione in una cartella pubblicata dalle Edizioni O, la casa editrice della Galleria Milano fondata da Baldo Pellegrini, marito di Carla.

Dopo un animato dibattito, la sera dell’inaugurazione fu proiettato il film Comitati politici – Testimonianze sulle lotte operaie in Italia nella primavera del ’71, realizzato da Enzo Mari con il Gruppo di Lavoro, composto da alcuni studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Il documentario, ritrovato dopo una lunga ricerca, è stato digitalizzato dall’Archivio Home Movies di Bologna ed è presente nella  mostra attualmente in corso.

Leggi anche: ANDRÉ DERAIN. SPERIMENTATORE CONTROCORRENTE, IN MOSTRA A MEDRISIO

correlati

Black Friday: 48 ore di offerte.

La settimana del Black Friday su Amazon.it domani raggiungerà il suo culmine e per 48 ore i clienti potranno trovare numerose offerte su...

Esce su Amazon Prime Video e Chilli il docufilm su Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera il docufilm sulla vicenda umana ed artistica della più famosa pittrice della storia dell'arte sarà distribuito il 25 novembre 2020, giornata internazionale...

Le iniziative del MANN per i 40 anni del terremoto dell’Irpinia

A quarant'anni dal terremoto che il 23 novembre 1980 devastò la regione Campania, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta, lo stesso giorno in anteprima...

Venezia attraverso l’obbiettivo Gianni Berengo nel documentario di Donna Serbe-Davis

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, in collaborazione con il Festival Cinemambiente, propone ,  giovedì 19 novembre, dalle ore 18.30, la visione in streaming...