Enzo Mari, in Triennale una grande mostra dedicata al designer

Pubblicità
Pubblicità

Scomparso lo scorso 19 ottobre all’età di 88 anni, Enzo Mari è il protagonista di una imponente retrospettiva, inaugurata il 17 ottobre, nelle sale della Triennale di Milano fino al 18 aprile 2020.

Enzo Mari Mostra Triennale Milano
Enzo Mari

Curata da Hans Ulrich Obrist la mostra, Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli,  raccoglie progetti, modelli, disegni e materiali inediti provenienti dall’Archivio Mari che raccontano il lavoro e il pensiero di uno tra i più grandi designer italiani del novecento. Oltre 60 anni di attività spaziando dall’arte al design, dall’architettura alla filosofia, dalla didattica alla grafica condensati in un’esplosione che nasce dal costante scambio e dialogo intercorsi negli anni tra Mari e il critico e storico dell’arte svizzero.

Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli

La mostra si apre con un omaggio realizzato da Nanda Vigo, ideato poco prima della sua scomparsa il 16 maggio 2020, un’opera inedita che reinterpreta con la luce due dei lavori più celebri di Mari, i 16 animali e i 16 pesci.

Enzo Mari Mostra Triennale Milano
Nanda Vigo, Enzo’s Zoo, 2020. Foto di Gianluca Di Ioia

Esposte in ordine cronologico, senza distinzioni fra discipline, tecniche e tipologie di ricerca seguono poi circa una selezione di circa 250 progetti di Enzo Mari – dalle Pitture degli anni Cinquanta alle Strutture degli anni Cinquanta e Sessanta (Arte programmata), dalla serie di contenitori Putrella (1958) ai multipli d’arte de La Serie della Natura (1961-1976), dai vasi delle Nuove propo-ste per la lavorazione a mano del marmo Serie Paros (1964) agli Allestimenti modulari di cartone (1964-1970).

Dal progetto per la Copertina della Collana Universale Scientifica Boringhieri (1965) alla sedia Box (1971), dall’Autoprogettazione (1973) alle ciotole della Proposte per la lavorazione a mano della porcellana. Serie Samos (1973), dalle 44 valutazioni (1976-2008) alla sedia Tonietta (1980), dai progetti non realizzati Tre piazze del Duomo (1982) all’ Allegoria della dignità (1988), dalle Lezioni di disegno (2007- 2008) fino al progetto per un Nuovo Museo del design per la rivista “Abitare” (2009-2010) – considerati tra i più rappresentativi dei quasi 2.000 ideati nel corso della sua carriera.

Milano. Installazion view © Triennale Milano. Foto Gianluca Di Ioia

Affiancano questa sezione storica, a cura di Francesca Giacomelli, una serie di contributi di artisti e progettisti internazionaliAdelita Husni-Bey, Tacita Dean, Dominique Gonzalez-Foerster, Mimmo Jodice, Dozie Kanu, Adrian Paci, Barbara Stauffacher Solomon, Rirkrit Tiravanija, Danh Vo e Nanda Vigo e Virgil Abloh – invitati a rendere omaggio a Mari attraverso installazioni site-specific e nuovi lavori appositamente commissionati.

Infine una serie di video interviste realizzate da Hans Ulrich Obrist che testimoniano la costante tensione etica di Mari, la sua profondità teorica e la straordinaria capacità progettuale di dare forma all’essenziale

Leggi anche: FRIDA KAHLO TORNA A MILANO CON UNA GRANDE MOSTRA ESPERENZIALE

correlati

Leonardo da Vinci: 10 cose da sapere

Leonardo di ser Piero da Vinci, in arte Leonardo da Vinci, fu artista, inventore e scienziato, giusto per citarne alcuni, nonché uno dei più...

Swing è una delle nuove collezioni di Morelato

L'estro creativo di Libero Rutilo, direttore artistico dell’azienda, si esprime in ogni singolo elemento che la compone. Swing di Morelato nasce dall’idea di creare...

Home Office tra cucina e living by ARAN Cucine

Lavorare da casa, ormai, più che l’eccezione è diventata la prassi. Il lavoro da remoto, già praticato in tutto il mondo - e in...

Matthew Brannon, la personale alla Gió Marconi di Milano

Gió Marconi ospita, fino al 28 maggio 2021, Cold Shoulders / Foreign Affairs / Seafood Dinners / Power Vacuums / and The Last Gate...