I murales di SteReal e KayOne per CHANEL Make Up Artist

I murales di SteReal e KayOne per CHANEL Make Up Artist - stimolare la creatività attraverso la Street Art - 19 Ottobre 2020 – Viale Caprilli – Milano

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Stimolare la creatività dei make-up artist attraverso la magia della street art: questo lo scopo dell’ultimo team building promosso da Chanel, con la direzione artistica di Stradedarts. Lunedì 19 ottobre, nel centralissimo Viale Caprilli di Milano, un gruppo di make-up artist selezionati da Chanel e diretti da due tra i più noti street artist della scena milanese, Stefania Marchetto in arte SteReal Marco Mantovani in arte KayOne, si è cimentato nella realizzazione di tre muri (15×3 metri) a tema makeup.

Tre opere d’arte urbana dipinte dagli stessi make-up artist con l’intento di dare nuova ispirazione al proprio estro artistico mediante l’uso alternativo dei colori in stile urban, al fine di ampliare la propria visione sul trucco, attraverso la pittura, e di stimolare modi innovativi di applicazione dello stesso. “Lo stile non è qualcosa che esiste solo negli abiti. Lo stile è nel cielo, nella strada, lo stile ha a che fare con le idee, il nostro modo di vivere, che cosa sta accadendo.” (Gabrielle Chanel).

Questo è quello che Chanel mira a infondere e trasmettere ai suoi collaboratori, stuzzicandone la fantasia e lasciando la loro ispirazione libera di esprimersi. Ogni anno, infatti, l’azienda organizza eventi di team building per il suo personale, con l’intento di suscitare in esso le stesse emozioni e gli stessi valori che contraddistinguono il marchio da più di 110 anni, rendendolo unico, originale e irripetibile.

Con la direzione artistica di Alessandro Mantovani, founder e project manager di Stradedarts Urban Gallery, CHANEL Make Up Artist ha realizzato tre murales a cura di due street artist molto attivi sulla scena di Milano: Stefania Marchetto in arte SteReal, i cui lavori, lasciati in giro tanto in Italia quanto all’estero, si contraddistinguono per la forte impronta realistica che l’ha resa riconoscibile tra le figure femminili dell’urban art italiana, e Marco Mantovani in arte KayOne, pioniere della street art milanese e in particolare del graffiti writing, che lo ha appassionato sin da piccolo, cominciando a dipingere per strada fin dal 1988.

correlati

Il tour di James Blunt riprogramma le date italiane

Il tour di James Blunt, che avrebbe dovuto far tappa in Italia il 2 ottobre 2020 a Padova alla Kioene Arena e il 3...

Giovanni Boldini. Il Piacere, le iniziative digitali in attesa dell’apertura

Prevista per il 14 novembre, ma posticipata a causa delle restrizioni sanitarie, il MART- Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto...

Luca Giordano, la mostra a Capodimonte torna sulle piattaforme digitali

Fino al 31 dicembre il Museo e Real Bosco di Capodimonte accoglie i visitatori sui propri canali social con pillole d’arte e la visita virtuale alla mostra...

Zehra Doğan al PAC nella Giornata contro la Violenza sulle Donne

Il 25 novembre 2020, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano inaugura una...