Chromasophia, la personale di Regine Schumann a Milano

Pubblicità
Pubblicità

Dal 2 febbraio al 30 marzo 2021 la Dep Art Gallery di Milano presenta Chromasophia, personale dell’artista tedesca Regine Schumann. L’esposizione, a cura di Alberto Zanchetta, si sintetizza nella fusione le parole Colore/Chroma e Sapienza/Sophia: una sapienza del colore che la Schumann ha maturato nel corso dei decenni con l’intento di offrire allo spettatore infinite possibilità combinatorie, tutte egualmente sorprendenti.

Regine Schumann mostra Dep Art Gallery
Regine Schumann, Colormirror Yellow Green Bonn + Colormirror Violet Orange Bonn, 2018

Regine Schumann, una pittura in assenza di pittura che si genera nei rapporti tra i volumi geometri e la luce

Regine Schumann assembla lastre di plexiglass acrilico per ottenere una molteplicità di sfumature di luce e colore che nascono dall’interazione tra il primo piano, lo sfondo e il perimetro. A seconda delle condizioni spaziali e atmosferiche, i colori si intensificano, si compenetrano e si riverberano a vicenda sottoponendo lo sguardo a cambiamenti graduali oppure repentini. Attraverso l’impiego dei raggi UV, poi, le superfici rivelano delle gradazioni latenti: il materiale acrilico pare smaterializzarsi, mentre le lastre satinate tendono a saturarsi e a intorpidirsi, generando così una miscela/sintesi coloristica.

Quella dell’artista tedesca è una pittura in assenza di pittura che non si limita a pensare al colore come a uno spazio bidimensionale. Il particolare tessuto cromatico è infatti determinato dalla relazione che i volumi geometrici instaurano con la luce e l’architettura circostante. Con le sue opere, attingendo ai ritrovati dell’industria moderna, Regine Schumann riesce a inventare una fluorescenza che trascolora lo spazio del nostro vissuto, proiettandoci in un’esperienza che si situa tra la realtà naturale e quella artificiale.

Regine Schumann mostra Dep Art Gallery
@DepArtGalleryMilan

Chromasophia accoglie circa venti opere in plexiglass acrilico della Schumann, diverse delle quali realizzate appositamente per l’occasione. In esclusiva per la galleria milanese e per la prima volta in Italia, in mostra anche la recente serie Moons, nata durante i primi mesi della pandemia come approfondimento sui temi della distanza e della vicinanza; una riflessione sul desiderio insoddisfatto di allontanarsi. Accompagna questi lavori, un’opera realizzata in esclusiva per Dep Art Gallery, dedicata al capoluogo lombardo, dal titolo Colormirror Rainbow Satin Orange Milan.

Leggi anche: LA BELLEZZA DELLE VESTIGIA ANTICHE NEGLI SCATTI DI JOSEF KOUDELKA

Pubblicità