Il poncho di Schneiders Salzburg

Pubblicità
- pubblicità -

Malgrado sia indossato da sempre dalle popolazioni indigene dell’America Meridionale, malgrado abbia da sempre avuto connotazioni etniche e colori sgargianti, il poncho ha saputo conquistare anche la moda e le glam addicted più diffidenti, diventando il prezioso e caldo alleato di chi ha gusti estremamente raffinati. Anche Schneiders Salzburg si è lasciato sedurre, trasformandolo in un capo elegante, perfetto per i giorni di festa e le occasioni importanti. Basta immaginare di essere, per esempio, a teatro e di indossare un bell’abito di seta, fluido e sinuoso: il poncho del brand salisburghese appoggiato sopra eviterà di sgualcirlo, lo lascerà intravvedere dall’apertura centrale, manterrà il corpo al caldo ma senza infagottare.

- Pubblicità -

Il poncho di Schneiders, infatti, nato da un know how che conta su 75 anni di storia, sull’amore per l’eccellenza, il valore della tradizione e la forza dei dettagli, è realizzato in un filato di lana dal peso ideale, che cade con un movimento morbido ma dal volume contenuto e si completa con un collo di volpe blu che accarezza, scalda e nobilita ancora di più questo mantello.

L’utilizzo su mise da red carpet non è l’unico possibile: su camicia e pantaloni classici, su dolcevita e jeans e perfino – perché no – su maglietta a maniche lunghe e joggers (magari nella variante blu navy), il poncho con collo di volpe eleva l’outfit, regalandogli un’allure aristocratica e chic, qualsiasi essa sia. 

www.schneiders.com

- Pubblicità -
Pubblicità