Trust in occasione della Giornata della Terra racconta le sue iniziative green

Pubblicità
- pubblicità -

Trust, azienda leader del settore lifestyle tech e gaming, sta affrontando da protagonista la sfida per un futuro sempre più green introducendo iniziative a 360 gradi volte a favorire la sostenibilità dei suoi prodotti e del proprio business. È delle ultime settimane l’adesione alla One Green Label Digital,  la coalizione per richiedere l’etichetta obbligatoria dell’impatto ambientale per la sostenibilità del ciclo del prodotto dei leader dell’elettronica.

- Pubblicità -

“Noi di Trust stiamo riducendo fortemente i rifiuti e le plastiche utilizzati nei nostri prodotti e nei nostri imballaggi, facendo un maggiore uso di materiali provenienti da risorse rinnovabili. L’obiettivo è quello di migliorare la riciclabilità e ottimizzare i processi produttivi per ridurre l’impronta di CO2” – dichiara Allard Boer, CFO di Trust – “Una mission partita con l’iniziativa Clevergreen che si pone tra gli obiettivi la riduzione dell’impatto ambientale dei suoi dei prodotti, imballaggi e delle loro lavorazioni.”

Il progetto Clevergreen segna l’inizio del processo di sostenibilità aziendale ponendo l’accento su quattro macro-temi: eliminare, ridurre e riciclare, certificando tutti i processi per la massima trasparenza, per un sistema di riconoscimento del grado di ecosostenibilità di ogni prodotto.

Trust ha già raggiunto risultati significativi mettendo in atto alcuni cambiamenti smart: ne sono un esempio la sostituzione dei manuali cartacei con guide online per la maggior parte dei prodotti, la riduzione delle dimensioni delle confezioni e la rimozione della plastica al loro interno e dove non possibile, la sostituzione con plastica riciclata.

- Pubblicità -

“Implementando questi accorgimenti nei packaging di alcuni prodotti gaming della gamma GXT e home office, abbiamo già riscontrato una riduzione fino al 30% della plastica utilizzata” – conclude Boer.

- Pubblicità -

Trust ha concretizzato ulteriormente il suo impegno presentando nel marzo scorso il suo primo prodotto gaming in plastica riciclata: le cuffie gaming GXT 391 Thian. Realizzate per l’85% di plastica riciclata, il nuovo headset è leggero e confortevole. Anche il packaging è sostenibile perché completamente realizzato in fibre di legno riciclate, senza plastiche e con dimensioni ottimizzate per poter spostare più merce per singolo viaggio.

“Il business as usual non è più un’opzione. Dobbiamo prestare sempre più attenzione al pianeta e alle persone coinvolte nel nostro ecosistema. È nostra responsabilità e ambizione progettare prodotti sostenibili, gestire le operazioni e offrire ai consumatori scelte intelligenti, accessibili e sostenibili”, conclude Boer. “Questo obiettivo non può essere raggiunto da un giorno all’altro. È uno sforzo continuo e ci stiamo impegnando e collaborando con i nostri partner e fornitori per fare questi cambiamenti smart nella nostra produzione, operazioni e gamma di prodotti”.

L“Impact Report 2020-2021” dell’azienda fornisce una traccia del viaggio sostenibile dell’azienda per rendere gli accessori equi per le persone, per il Pianeta e per le tasche di tutti. Non si tratta solo di un cambiamento formale: Trust riconosce di essere parte di un settore che deve subire una massiccia trasformazione per raggiungere gli obiettivi stabiliti nell’accordo sul clima di Parigi. Obiettivo più grande è quello di annullare totalmente il suo impatto sul clima entro il 2030, la sua responsabilità si estende oltre le operazioni dirette, e comprende l’intero ciclo di vita del prodotto. La maggior parte dell’impatto ambientale di è indiretto, attraverso i prodotti venduti ai clienti da partner e fornitori di produzione.

- Pubblicità -
Pubblicità