On Fire. Il fuoco e le Avanguardie in mostra a Fondazione Cini

Pubblicità
- pubblicità -
In occasione della 59 Biennale d’Arte di Venezia Fondazione Cini presenta On Fire. Fino al 24 luglio la mostra, la prima interamente dedicata all’uso del fuoco come mezzo di creazione artistica, esplora l’uso di questa tecnica tra le avanguardie del Secondo Dopoguerra.
L’esposizione, curata da Bruno Corà con il contributo di Luca Massimo Barbero, promossa dalla Fondazione Giorgio Cini e Tornabuoni Art, raccoglie una selezione accurata delle opere più iconiche realizzate mediante il fuoco o che includono la presenza della fiamma stessa.

L’alta dignità delle arti del fuoco deriva dal fatto che le loro opere portano il segno più profondamente umano, il segno dell’amore primitivo. (…) Le forme create dal fuoco sono modellate, più di ogni altra, come bene suggerisce Paul Valéry: «a forza di carezze». Gaston Bachelard, La Psicanalisi del Fuoco, 1937

Naturalmente fuggevole, il fuoco non ha forma, peso o densità. Ciò ha da sempre affascinato gli artisti, sia per i suoi potenziali effetti sugli altri materiali sia in quanto presenza attiva nelle opere d’arte.
Le avanguardie del Secondo Dopoguerra riuscirono ad appropriarsi degli effetti sia distruttori che generatori del fuoco, impiegandolo su diversi materiali. In questa ottica, il fuoco divenne per questi grandi artisti il protagonista sensibile e il medium di una innovazione dello stesso processo trasformativo del loro linguaggio pittorico e plastico.
On fire venezia fondazione cini
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri | Alberto Burri, Rosso Plastica M3, 1961. Plastica, combustione su tela, 121,5×182,5 cm.

On Fire, una delle più radicali, e nel contempo inesplorate, rivoluzioni linguistiche dell’arte contemporanea

La mostra è composta da sei sezioni che permettono di scoprire, per la prima volta l’uno accanto all’altro, Yves Klein; Alberto Burri; Arman; Jannis Kounellis; Pier Paolo Calzolari e Claudio Parmiggiani alle prese con il fuoco.
Seppur accomunati dall’elemento utilizzato, On Fire si concentra, però, su ogni maestro, mettendone in evidenza le diverse modalità d’impiego. Il fuoco si può trovare come strumento di combustione dei materiali in Klein, Burri, Arman; come presenza viva con i propri effetti sensoriali, talvolta spettacolari nei lavori di Klein, Kounellis, Calzolari; infine, come traccia pittorica attraverso il fumo della combustione con Calzolari e  Parmiggiani.
On Fire, dunque, attraverso le 26 opere raccolte con la collaborazione delle fondazioni degli artisti e prestiti provenienti da importanti collezioni internazionali, tra cui diversi capolavori inediti o raramente mostrati al pubblico, documenta una delle più radicali, e nel contempo inesplorate, rivoluzioni linguistiche dell’arte contemporanea.

Leggi anche: AMANEÏ GALLERY PRESENTA ISLANDS OF TIME DI NICCOLÒ MASINI

- Pubblicità -
Pubblicità