Robert Doisneau, gli scatti del celebre fotografo francese a Milano

In copertina: Robert Doisneau, Fox terrier au pont des Arts, 1953 © Robert Doisneau

Pubblicità

Dal 9 maggio al 15 ottobre 2023, il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita un’antologica dedicata a Robert Doisneau (1912-1994); uno dei più importanti fotografi del Novecento.

L’esposizione ripercorre la vicenda creativa del grande artista francese, attraverso 130 immagini in bianco e nero; tutte provenienti dalla collezione dell’Atelier Robert Doisneau a Montrouge, nell’immediata periferia sud di Parigi.

La mostra è curata da Gabriel Bauret, promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e prodotta da Silvana Editoriale, col patrocinio del Comune di Milano, col contributo di Fondazione Banca Popolare di Milano e di Fondazione Fiera Milano.

Robert Doisneau mostra Milano
Robert Doisneau, L’enfer, Paris 1952 © Robert Doisneau

Robert Doisneau  e quello sguardo che ha saputo tradurre i gesti, i desideri e le emozioni dell’umanità del dopoguerra

L’esposizione racconta oltre cinquant’anni di carriera di Robert Doisneau, considerato, insieme a Henri Cartier-Bresson, uno dei padri della fotografia umanista francese e del fotogiornalismo di strada. Un percorso diviso per sezioni che analizza i suoi temi più ricorrenti e riconoscibili: dalla guerra alla liberazione; il lavoro; l’amore; i giochi dei bambini; il tempo libero; la musica; la moda. Uno sguardo sulla sua contemporaneità che ha saputo tradurre i gesti, i desideri e le emozioni dell’umanità del dopoguerra.

Doisneau conduce il visitatore in una emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna e per le strade del centro e della periferia. Dai bistrot alle gallerie d’arte della capitale francese, fissando col suo obiettivo l’immagine di una città ormai scomparsa. I soggetti delle sue fotografie sono infatti i parigini: le donne, gli uomini, i bambini, gli innamorati, gli animali, gli amici artisti, scrittori e poeti; non solo il compagno di scorribande Jacques Prévert, ma anche Malraux, Tinguely, Picasso, Léger, Giacometti e altri.

Tra i capolavori esposti, anche Le baiser de l’Hôtel de Ville del 1950. Una giovane coppia che si bacia davanti al municipio di Parigi mentre la gente cammina veloce e distratta. L’opera, per lungo tempo identificata come simbolo della capacità della fotografia di fermare l’attimo, non è stata scattata per caso: Doisneau, infatti, stava realizzando un servizio per la rivista americana Life e per questo chiese ai due giovani di posare per lui.

Robert Doisneau mostra Milano
Robert Doisneau. Le baiser de l’Hôtel de Ville, Paris 1950 © Robert Doisneau

Robert Doisneau, le révolté du merveilleux

Completa l’esposizione, un’intervista video al curatore Gabriel Bauret e la proiezione di un estratto dal film realizzato nel 2016 dalla nipote del fotografo, Clémentine Deroudille: Robert Doisneau, le révolté du merveilleux (Robert Doisneau. La lente delle meraviglie), che contribuisce ad approfondire la conoscenza dell’uomo e della sua opera.

Il documentario racconta le prime pubblicazioni sui giornali, l’esperienza all’interno della Renault, l’occupazione e la liberazione, i felici anni del dopoguerra, la banlieue di Parigi e la nascita della sua fotografia più iconica. Alcune registrazioni d’archivio mostrano il fotografo all’interno del proprio laboratorio, contribuendo, insieme alla voce narrante della regista (che racconta del grande autore con l’affetto di una nipote orgogliosa) a creare la sensazione di intimità e prossimità che le stesse fotografie di Doisneau generano fra l’osservatore e i soggetti ritratti.

Leggi anche: RIVOLUZIONE VEDOVA, EMILIO VEDOVA AL M9 DI MESTRE

- Pubblicità -
Pubblicità