Sam Claflin e Lily Collins “In questo film ci siamo messi a nudo”

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il bagno di folla di ieri al Festival di Roma 2014Sam Claflin e Lily Collins si concedono a qualche intervista per presentare il film #ScrivimiAncora per la regia di Christian Ditter. Entrambi protagonisti di film urban fantasy, Hunger Games per lui, Shadowhunters (e includiamo anche la sua versione tosta diBiancaneve al fianco di Armie Hammer e Julia Roberts) per lei, in quale genere preferiscono recitare?

Risponde per prima Lily Collins: “Ho imparato molto di me stessa in questa esperienza,da questo tipo di film. Non posso dire di non aver imparato nulla con i film fantasy, ho imparato a lottare,a fare stunt e tante altre cose a cui mai avrei pensato ma lì erano produzioni in scala più ampia. Ad esempio dovevi passare da dieci persone diverse prima di ricevere una risposta. Invece con Scrivimi Ancora ho davvero lasciato me stessa sullo schermo. La troupe era piccola,il set più raccolto e ho imparato davvero tante tante cose di me stessa durante la lavorazione.” risponde pacata e con un sorriso molto dolce. È stata un esperienza fantastica e meravigliosa, molto diversa e anche rara rispetto ai block-buster fatti in precedenza e adesso sarà un po’ difficile pensare di ritornare su grande scala. L’ideale sarebbe trovare il giusto equilibrio fra entrambe, ma la cosa bella di questa esperienza è che mi sono sentita così soddisfatta e appagata di quello che ho fatto e ho messo in questo film. E tra l’altro è una sensazione strana, ovvero un progetto così piccolo io l’ho sentito molto personale e pensare che adesso andrà in giro per il mondo e diventerà grande e la storia sarà diffusa, è come se fosse stata condivisa una mia storia personale. Da una parte questo mi fa sentire molto vulnerabile dall’altra è una sensazione molto particolare.”

Concorda con lei Sam Claflin, che in questi mesi affollerà le sale cinematografiche tra questo film, Posh uscito a settembre e l’attesissimo ultimo capitolo (prima parte) diHunger Games – Il Canto della Rivolta: “Questo è il primo film dove mi sono sentito davvero a nudo senza effettivamente esserlo. Dove mi sono sentito molto vulnerabile e aperto ma ovviamente è stata un esperienza bellissima e non mi dispiacerebbe affatto continuare ad esplorare questo genere di film. Questa storia è così piccola e intima in modo nuovo in un certo senso, anche in termini di dimensioni di produzione. Ma non mi dispiacerebbe tornare a nascondere in personaggi più distanti da me, se magari arrivasse qualcosa di epico,magari un epopea in costume o ancora fantasy perché no: sarebbe bello avere un equilibrio di tutte queste cose. A me fondamentalmente piace lavorare, quindi qualsiasi cosa venga sotto qualsiasi forma arrivi, mi piace. A me piacciono le sfide, mi piacciono le belle idee quindi cinema, televisione, teatro qualsiasi cosa che mi consenta di esprimermi.”

Di Serena Concato

correlati

Immersi nella natura nel Glamping sostenibile che galleggia sui Laghi Nabi

Gli alberi si specchiano sulle acque dei laghi, facendo capolino tra i colori vividi del cielo, mentre paesaggi luminosi si stagliano verso l’orizzonte, creando...

Degas: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Edgar Degas fu un pittore e scultore parigino dell'ottocento, inizio novecento. Sebbene sia del periodo degli impressionisti e da molti considerato come uno dei...

I borghi più suggestivi dell’Alto Adige

Tirolo è il nome del paese che si trova appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante castello da cui prende il nome. Si tratta di...

L’italian Luxury Living di Sean by Borzalino

Elegante poltrona con struttura in legno rovere o noce Canaletto dal classico appeal scandinavo, Sean risulta abbinabile, in contrasto, con qualsiasi divano. Seduta e schienale in...