Il mondo festeggia i 100 anni della “Fontana” di Marcel Duchamp

Pubblicità
Pubblicità

Era il lontano 10 aprile del 1917 quando Marcel Duchamp presentò l’opera destinata a cambiare per sempre il senso stesso di opera d’arte “Fontaine”.

Arrivato negli Stati Uniti due anni prima, Duchamp entra in un negozio di articoli per il bagno, acquista un comune orinatoio di ceramica modello Bedfordshire, lo ruota di novanta gradi e vi scrive sopra, firmandolo e datandolo “R. Mutt 1917”. 

Lo presenterà il 10 aprile del 1917 a una mostra organizzata a New York dalla Society of Independent Artists di cui è membro fondatore. Un gesto che scatenerà gesto un putiferio, tango che l’opera, intitolata significativamente Fountain, non verrà esposta.

Fontaine Marcel Duchamp
Marcel Duchamp and his Fontaine

Un gesto che però getterà le basi del ready-made, diventando l’icona per antonomasia del XX secolo, grazie a una foto di Alfred Stieglitz e a un articolo apparso poco dopo sulla rivistad’avanguardia The Blind Man, di cui Duchamp era uno dei promotori.

Marcel Duchamp: 14 esemplari di “Fontaine” sparsi per il mondo

Quattordici sono le repliche di Fountain che si possono vedere oggi nei musei di tutto il mondo, fatte costruire nel 1964 dal critico e gallerista italiano Arturo Schwarz, che ottenne da Duchamp l’esclusiva per la riedizione dei suoi ready-made.

Per celebrare la ricorrenza, il 9 aprile  in alcuni di questi musei da Tokyo a Londra passando per Roma e Filadelfia, i visitatori che entreranno dalle 15:00 alle 16:00 facendo il nome di Richard Mutt accederanno senza pagare il biglietto.

In Italia la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (GNAM) è l’unico in Italia ad avere in collezione, oltre a un consistente nucleo di opere dell’artista, una delle quattordici repliche di Fountain di Marcel Duchamp.

Tre dei quali sono attualmente esposti nella mostra Time is Out of Joint in corso fino al 15 aprile alla GNAM. La giornata, con visita guidata per scoprirli, vedrà la partecipazione di Pablo Echaurren e di Andrea Lanini per un omaggio alla Fountain del padre del Dadaismo

Fontaine Marcel Duchamp
The original Fountain by Marcel Duchamp photographed by Alfred Stieglitz

Ma c’è anche chi ha preso l’iniziativa molto più sul serio come lo Staedel Museum di Francoforte che ha deciso di far diventare per l’occasione il bagno degli uomini uno spazio unisex che ospita conferenze, perfomance e talk dedicati a Duchamp.

L’idea  è che “tutto può succedere” dice lo storico dell’arte di base a Monaco ed esperto di Duchamp, Thomas Girst che ha proposto l’iniziativa al museo “perché anche urinare può diventare una performance”.

Leggi anche: Napoli celebra il successo di The Young Pope con una mostra fotografica a Plazzo Reale

 

correlati

Varignana Music Festival: musica, natura, benessere e gusto si incontrano

La musica come terapia per l'anima, è questo il segreto della settima edizione del Varignana Music Festival, il programma di concerti di musica classica...

Biofficina Toscana presenta la linea “I solidi”

Biofficina Toscana, marchio cosmetico eco bio toscano, sin dalla fondazione, punta alla tutela del patrimonio naturalistico della regione toscana, al sostegno delle Aziende agricole del territorio...

Marco Mengoni per la prima volta in live negli stadi

Si chiama “MA STASERA” il nuovo singolo di Marco Mengoni, disponibile ovunque dal 18 giugno e che segna il suo ritorno a due anni...

Chef Manon Fleury, il nuovo volto del Monte-Carlo Beach

L’incontro tra il ristorante Elsa e Manon Fleury nel contesto del Monte-Carlo Beach non è sicuramente casuale. Questo luogo leggendario ha infatti visto la propria storia segnata del destino di...