In mostra a Milano un capolavoro di Rodin ritrovato dopo oltre un secolo

Pubblicità
Pubblicità

Il 30 maggio in occasione del centenario della morte di Auguste Rodin (1840-1917), la casa d’aste Artcurial batterà in asta Andromède, una rara scultura in marmo, dalla storia estremamente affascinante.

Prima di essere battuta all’asta l’opera di Rodin sarà esposta presso la stessa casa d’aste a Milano, da giovedì 4 a sabato 6 maggio 2017.

Si tratta di una scultura databile intorno al 1887 che pur essendo rimasta sempre nelle mani della famiglia Morla fece di fatto perdere le tracce. Fino ad oggi, quando dopo 130 anni i due direttori associati di Artcurial, Stéphane Aubert e Bruno Jaubert l’hanno scovata.

Una storia affasciante: tra collezionismo e patrimonio nazionale

La storia della Andromède inizia nel 1888 quando il diplomatico cileno Carlos Lynch de Morla, stanziatosi a Parigi, chiese al suo amico Rodin di immortalare sua moglie in un busto marmoreo.  Il capolavoro realizzato dall’artista poi venne esposto presso il Salon National des Beaux-Arts lo stesso anno. 

Rodin Milano
Auguste Rodin, Louise Lynch de Morla Vicuña, 1884, marmo

In qualità di patrono delle arti e amico di Francia, Carlos Lynch de Morla alla fine acconsentì alla cessione del busto, permettendone così l’ingresso nel patrimonio pubblico francese. Il ritratto originale è oggi visibile presso il Musée d’Orsay.

In segno di riconoscenza Rodin donò quindi un’altra opera in marmo alla famiglia cilena: il corpo nudo di una giovane donna, accovacciata su una roccia, l’Andromède appunto.

Cinque esemplari dell’opera di Rodin sparsi per il mondo

Tre dei cinque esemplari esistei dell’Andromède sono attualmente esposti presso importanti istituzioni museali: il Philadelphia Rodin Museum, il Musée Rodin di Parigi e il Musée National des Beaux-Arts di Buenos Aires.

Una quarta versione fa invece parte di una collezione privata in seguito alla vendita in asta, circa una decina di anni fa.  Mentre della quinta scultura, si erano perse le tracce dopo che nel 19030 venne segnalata nelle mani della famiglia Morla da Georges Cluster, primo curatore del Museo Rodin.

Andromède Rodin MilanoLa copia della famiglia Morla, costituisce l’esemplare più fedele alla trascrizione naturalistica. Ereditata di generazione in generazione, l’opera ha preservato in maniera visibile il profondo legame di rispetto e amicizia esistente tra “l’amico cileno” e Auguste Rodin.

Prima di Milano il capolavoro è stato esposto a Parigi dal 18 al 28 marzo e successivamente nelle altre sedi europee di Artcurial a Bruxelles, Vienna. La stima dell’opera è €800,000-1,200,000.

Leggi anche: Stanze d’artista. Capolavori del ’900 italiano, in mostra alla Galleria d’Arte Moderna di Roma

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...