Home Dieta e alimentazione Dieta lampo: 3 giorni, 5 giorni e 1 settimana

Dieta lampo: 3 giorni, 5 giorni e 1 settimana

2390
dieta dimagrante

L’estate è sempre un periodo tragico per tutti coloro che sono afflitti da fastidiosi chili di troppo; le donne si lamentano degli antiestetici cuscinetti di cellulite e i maschietti delle maniglie dell’amore. Ebbene, se state cercando di perdere un po’ di ‘ciccetta’ di troppo per non sfigurare in spiaggia, la dieta lampo è quella che fa al caso vostro.

Adatta per chi non deve perdere, ovviamente, grandi quantità di peso, questa dieta, facile e veloce, promette un dimagrimento consistente anche in meno di una settimana. In giro sul web di diete del genere ce ne sono davvero tante – una delle più famose è la dieta detox, disintossicante e purificante – e tutti hanno una durata diversa; ci sono quelle dei 3 giorni, dei 5 giorni, quella dei 5 kg in 7 giorni o quella più completa che promette di far perdere 10 kg in breve tempo.

Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Ovviamente, come ogni regime alimentare che si rispetti, anche la dieta lampo segue delle regole ben precise che vanno osservate religiosamente se si vogliono ottenere dei buoni risultati. Se quindi vi sentite un po’ appesantiti o gonfi, seguite i nostri consigli e provate la dieta più trendy dell’estate 2017.

Dieta lampo 3 giorni

Dieta-lampo-3-giorniLa dieta lampo dei 3 giorni è adatta a tutti coloro che vogliono perdere un po’ di peso e che si sentono gonfi ed appesantiti. Non si tratta di una dieta disintossicante ma, grazie all’eliminazione di alcuni alimenti carichi di zuccheri e grassi, l’organismo potrà ritrovare il suo equilibrio ed eliminare un po’ di scorie accumulate.

Ovviamente, prima di cominciare, sappiate che dovrete rinunciare ad un bel po’ di piatti gustosi ed accantonare alcune cattive abitudini. Ecco a cosa dovrete dire addio:

  • alcol
  • bibite gassate
  • fumo
  • zucchero raffinato (meglio la stevia come dolcificante)
  • formaggi stagionati
  • salumi
  • sale
  • dolci confezionati

Se siete quindi convinti di voler cominciare questa dieta, chiudete a chiave la dispensa e salutate tutti i vostri cari dolciumi, gettate via tutto l’alcol e le bibite, cestinate le sigarette e regalate salumi e formaggi ai fortunati, tra i vostri amici, che mangiano e non ingrassano. Siete pronti? Cominciamo. Ecco la vostra dieta lampo dei tre giorni.

Giorno 1

  • colazione: ½ bicchiere di succo di mirtillo, due fette di pane integrale o di segale tostato, due cucchiaini di marmellata senza zucchero
  • spuntino: un kiwi
  • pranzo: insalata di riso integrale (50gr di riso) con finocchio e sedano condito con aglio, menta, basilico, prezzemolo un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone
  • merenda: uno yogurt magro e ½ bicchiere di succo di mirtillo
  • cena: 100gr di petto di pollo o tacchino grigliato, insalata di spinaci crudi (a volontà) conditi con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone, zucchine grigliate condite con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone oppure con menta e aceto balsamico.

Giorno 2

  • colazione: ½ bicchiere di succo di mirtillo, due fette di pane integrale o di segale tostato, due cucchiaini di marmellata senza zucchero
  • spuntino: un kiwi
  • pranzo: insalata di fagioli (150gr di fagioli) con radicchio e cipolla rossa condita con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone o con aceto balsamico.
  • Merenda: uno yogurt magro e ½ bicchiere di succo di mirtillo
  • cena: 200gr fiocchi di latte (tipo Yocca) oppure 100gr di ricotta, asparagi lessi conditi con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone. Un frutto a piacere (evitare fichi, banane e uva che sono troppo zuccherini)

Giorno 3

  • colazione: uno yogurt magro con 40gr di fiocchi d’avena, tè o caffè senza zucchero
  • spuntino: una coppetta di frutti rossi o un frutto a piacere
  • pranzo: 200gr di tonno al naturale, insalata con lattuga e finocchi condita con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone o con aceto balsamico
  • merenda: uno yogurt magro
  • cena: una fettina di vitello alla griglia (100 gr), zucchine grigliate a volontà condite con un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e succo di limone o aceto balsamico. Cetrioli crudi a piacere.

Dieta lampo 5 giorni

Dieta lampo 5 giorniSe avete superato senza sforzo i primi tre giorni di dieta, potete continuare per altre quarantotto ore, sempre seguendo lo stesso schema alimentare. Ovviamente è impensabile dovere mangiare per cinque giorni sempre le stesse cose, ecco perché abbiamo delle alternative per voi. Sempre tenendo presente che si tratta di una dieta povera di grassi e zuccheri, vi proponiamo delle pietanze da poter sostituire a piacere all’interno della vostro routine alimentare.

Leggi anche: Dieta dash: cos’è, come funziona e quali sono i suoi benefici

  • Per la colazione potete optare per un frittatina di tre albumi, senza olio né sale, oppure sostituire un cucchiaino di burro d’arachidi – la frutta secca è energetica e contiene grassi non dannosi per l’organismo – ai due di marmellata, o optare per una disana al posto di tè e caffè, ovviamente senza zucchero.
  • Per il pranzo, sempre rispettando quantità e condimenti, potete sbizzarrirvi e scegliere le vostre combinazioni preferite per le insalate fredde con legumi; sono l’ideale per l’estate perché, pur essendo leggere, sono nutrienti e saziano. Ricordate sempre che, se a pranzo avete ancora fame, potete consumare sedano, cetrioli, spinaci crudi e songino in grandi quantità purché siano tutti senza condimenti.

 

  • Per gli spuntini e la merenda purtroppo non avete molta scelta; potete infatti optare per uno yogurt, un frutto, un succo o una centrifuga ma attenzione perché alcuni frutti non sono consigliabili per una dieta a basso contenuto di zuccheri. Le banane, l’uva, i fichi sono infatti molto zuccherosi e anche solo un paio di morsi potrebbero vanificare i vostro sforzi. Rispettate rigorosamente le dose di marmellata e burro d’arachidi.
  • Per la cena ci sono diversi alimenti che potete sostituire a rotazione che sono gustosi e salutari. Petto di pollo o tacchino, vitello, tonno al naturale, sogliole scaldate, spigola al forno (cotta con un cucchiaio di pan grattato, un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva, aglio e prezzemolo tritato), fesa di tacchino, prosciutto cotto sono tutte valide alternative per una cena leggera e saporita.

Dieta lampo, una settimana: 5 kg in 7 giorni

La dieta lampo che promette una perdita di 5 chili in una settimana funziona in maniera leggermente diversa rispetto alle precedenti. Se per quella dei 3 e 5 giorni avevamo dei pasti completi e bilanciati ma poveri di grassi e zuccheri, quella settimanale è di fatto una dieta dissociata con azione disintossicante e drenante.

Questo regime alimentare impone il consumo solo di alcuni alimenti e solo in determinati giorni; si comincia con un giorno in cui si mangia unicamente frutta per poi man mano andare a reintegrare gli altri alimenti.

Questa tipologia di dieta assicura una perdita di 5 chili in una settimana ma, attenzione, questi saranno per lo più liquidi; per far si che i risultati ottenuti durino nel tempo, dopo questi durissimi sette giorni, è consigliabile che seguiate una dieta equilibrata prescritta da un medico specializzato in alimentazione.

Ecco quindi il vostro programma settimanale:

Leggi anche: Dieta vegetariana: i pro e contro di un’alimentazione senza carne

Giorno 1: potrete mangiare solo frutta, a volontà, con l’unica restrizione che riguarda le banane e la frutta secca, ricche di zuccheri

Giorno 2: potrete mangiare solo verdure, a volontà, e consumare solo una piccola quantità di carboidrati (una patata bollita, una fettina di pane tostato, 40gr di pasta)

Giorno 3: solo frutta e verdura a volontà, niente banane né carboidrati

Giorno 4: il quarto giorno è in assoluto il più bizzarro perché prevede il consumo di 8 banane, tre bicchieri di latte e una zuppa di verdure. Ovviamente le banane potete mangiare a pezzetti o frullate insieme al latte a mo’ di milkshake oppure potete creare il vostro gelato alla banana fatto in casa. Per il gelato vi basterà congelare il latte a cubetti e una o più banane a pezzetti il giorno prima e poi mettere entrambi gli ingredienti (congelati) nel frullatore; il risultato sarà un ottimo gelato alla banana da consumare durante la giornata.

Giorno 5: consumare riso integrale con 6 pomodori (sia freddo che caldo) da dividere tra pranzo e cena

Giorno 6: replicate il giorno 5 aggiungendo al riso anche le vostre verdure preferite a volontà.

Giorno 7: replicate il giorno 6 aggiungendo anche la frutta a volontà (tranne le banane)

Dieta lampo 10 kg

dieta lampo 10 kgPer la dieta lampo dei dieci chili il discorso è un tantino più articolato ma cercheremo di semplificarvelo. Nata con il nome di Dieta Scarsdale, questo regime alimentare è stato creato agli inizi del novecento da un famoso cardiologo di nome Herman Tarnower, co-autore insieme a Samm Sinclair Baker, del libro Scarsdale Diet.

Questa dieta, che ha la durata di due settimane, segue più o meno le stesse regole delle diete lampo che abbiamo già visto in precedenza, dando priorità al consumo di frutta e verdura e mettendo al bando zuccheri, salumi, alimenti ricchi di sale e grassi saturi, alcol e bibite gassate. Gli agrumi, ad esempio, occupano un posto d’onore nel regime Scarsdale poiché hanno proprietà disintossicanti e drenanti; soprattutto pompelmi e limoni sono preziosi per bruciare i grassi accumulati e in eccesso. Quello che vi proponiamo qui di seguito è l’esempio di una giornata alimentare tipo della dieta Scarsdale.

Leggi anche: Dieta vegana: cosa mangiare in un regime alimentare controllato

  • Colazione: un pompelmo a pezzi o spremuto e una fetta di pane integrale
  • Spuntino: un frutto oppure sedano a volontà
  • Pranzo: Petto di pollo alla griglia, due pomodori affettati, 2 bicchieri d’acqua, tè o caffè senza zucchero.
  • Merenda: frullato di fragole, pompelmo e ananas
  • Cena: pesce grigliato (sogliola, orata, trota, tonno, branzino o salmone), un insalata mista a volontà non condita, una fetta di pane integrale e un pompelmo. 4 bicchieri d’acqua

Questa dieta è ottima per tutti coloro che lottano da sempre con un metabolismo lento e che hanno bisogno di una sferzata di energia. La Scarsdale infatti non deve essere seguita per più di due settimane di fila; un po’ come la tanto chiacchierata dieta Dukan, anche questa non ha come obiettivo solo il dimagrimento ma anche e soprattutto la riattivazione del metabolismo. Quello che vi abbiamo proposto è ovviamente sono un esempio ma, se volete saperne di più, vi consigliamo di consultare il libro ufficiale Scarsdale Diet del dottor Tarnower, che potrete facilmente acquistare online su Amazon.