A Milano una rassegna antologica sull’astista concettuale Vincenzo Agnetti

Pubblicità

Dal 4 luglio al 24 settembre, Palazzo Reale di Milano ospiterà la rassegna antologica dedicata a Vincenzo Agnetti (1926 – 1981), l’artista concettuale italiano che ha trasformato la parola in immagini iconiche e l’immagine in poesia.

A cent’anni da adesso ripercorre il sentiero mentale di Agnetti, non sempre affidandosi alla cronologia ma privilegiando il filo logico del discorso artistico che impone associazioni e salti tra periodi diversi per condurre il visitatore tra le pieghe del processo creativo.

La parola che si trasforma in immagine nell’arte di Vincenzo Agnetti

In mostra saranno esposte più di cento opere, realizzate tra il 1967 e il 1981, che nel loro insieme restituiscono un’immagine chiara del percorso dell’artista: la sua tensione poetica e visionaria, lo spiccato interesse per l’analisi dei processi creativi e per l’arte come statuto, il suo ruolo di investigatore linguistico e di sovvertitore dei meccanismi del potere, inclusi quelli della parola scritta, detta e tradotta in immagini limpide ed evocative, fulcro della poetica di Vincenzo Agnetti.

La parola in tutte le sue opere non si limita dunque ai rapporti semiologici, come spesso accade nell’arte concettuale di quegli anni, piuttosto realizza immagini, suggerisce indagini, costruisce narrazioni.

Vincenzo Agnetti Milano
© Archivio Vincenzo Agnetti / Ph. Salvatore Licitra | Vincenzo Agnetti, Progetto per un Amleto politico, 1973 (Mart)

Agnetti utilizza il paradosso visivo e concettuale per creare cortocircuiti interpretativi pronti per essere elaborati e rivisitati dall’osservatore, affidando al pensiero di chi guarda lo sviluppo e il senso di quanto ha scritto e immaginato. Per lui è sempre stato importante che il visitatore continuasse a vedere la mostra, con gli occhi della mente, anche dopo essere uscito dalla galleria.

Tra i lavori esposti sarà presente anche la stanza dedicata all’Amleto Politico: 60 bandiere di tutte le nazioni del mondo che contornano il palco da cui l’Amleto di Agnetti arringa la folla, il monologo di questo Amleto Politico recitato dalla straordinaria voce di Agnetti che riesce a far parlare i numeri come fossero un discorso, perché l’Amleto Politico, come molte altre sue opere, è una grande operazione di teatro statico.

Leggi anche: Le fotografie di Satoshi Fujiwara in mostra all’Osservatorio Fondazione Prada

- Pubblicità -
Pubblicità