La Guerra Bianca: in mostra a Milano le immagini delle Alpi della Prima Guerra Mondiale

Pubblicità
Pubblicità

La Fabbrica del Vapore ospita, su iniziativa del Comune di Milano, La Guerra Bianca, una grande mostra fotografica ideata e realizzata da National Geographic Italia, dal 14 luglio al 5 novembre.

Negli spazi dell’ex aerea industriale trasformati in luogo di incontro, sviluppo e valorizzazione di ogni forma di arte e di cultura, oltre 70 immagini in grande formato, accompagnate da foto d’epoca e mappe esplicative realizzate dal fotografo Stefano Torrione, porteranno i visitatori sui luoghi teatro di un tragico capitolo della storia italiana: la Grande Guerra sul fronte dei ghiacciai.

La Guerra Bianca: i segni di un’epoca tragica e violenta spiccano e si fondono con la bellezza apparentemente immutabile del paesaggio alpino

La Prima Guerra Mondiale fu anche e drammaticamente una guerra di montagna. Mai prima di allora, e solo rarissimamente dopo, l’uomo ha combattuto a quote così alte, fino a oltre i 3.000 metri e più sul livello del mare. Gli eserciti del Regno d’Italia e dell’Impero Austro- Ungarico si scontrarono anche sui gruppi montuosi più elevati delle Alpi centro-orientali, tra le cime e i ghiacciai dell’Ortles-Cevedale, dell’Adamello e della Marmolada, tra Lombardia, Trentino Alto-Adige e Veneto.

Stefano Torrione, con la guida di Marco Gramola, presidente della Commissione storica della SAT, ha raggiunto luoghi dai nomi evocativi per chi ha studiato le cronache della guerra o letto i diari dei soldati – Scorluzzo, Cavento, Lagoscuro, Presanella, Albiolo – alla ricerca delle tracce lasciate da quelle migliaia di uomini scaraventati a vivere, combattere e morire in condizioni proibitive, estate e inverno, a temperature che superavano i 30 gradi sotto zero.

La Guerra Bianca mostra Milano
© Stefano Torrione. National Geographic Italia | Stefano Torrione, Gruppo Ortles, Hintere-Madatch, fortino in cemento con feritoie

Ha trovato scheletri di baracche, trincee, gallerie scavate nella roccia, passerelle affacciate sul vuoto, reticolati, scale di pietra e di legno, cannoni, fucili, persino scarponi che riaffiorano con il ritiro dei ghiacciai; ma anche oggetti più personali dei combattenti, fotografie di fidanzate o scatolette di sardine, preservati per cent’anni dal ghiaccio e dalla neve.

Il reportage nato dal viaggio di Torrione, pubblicato da National Geographic Italia nel numero di marzo 2014, è stato il primo servizio di un’edizione straniera a essere tradotto e ripreso dal sito internazionale nationalgeographic.com, ottenendo oltre 200 mila visualizzazioni da tutto il mondo.

Leggi anche: 100 anni. Scultura a Milano in mostra alla Gam

correlati

KIN 金, fotografia e kintsugi alla Galleria Expowall

La Galleria Expowall di Milano, ospita dal 20 maggio al 19 giugno, KIN 金. Fotografie di Carola Guainieri | Kintsugi di Anita Cerrato. Un progetto artistico, frutto di tre anni di...

Il Table Bench di Børge Mogensen in versione più piccola

Carl Hansen & Son presenta Table Bench BM0488S, una versione più piccola della famosa panca di Mogensen con il caratteristico sedile intrecciato, dettagli eleganti e l’accurata...

Estée Lauder presenta consulenze virtuali con esperti di bellezza

www.wallpepper.itwww.wallpepper.it estende l’esperienza degli appuntamenti online per permettere alle consumatrici di prenotare una consulenza o una lezione virtuale personalizzata con un esperto di bellezza....

Stampare foto: perché farlo online

Ormai la fotografia digitale è divenuta il principale metodo per ritrarre momenti importanti della vita e conservarne il ricordo. Chiunque, utilizzando un’apposita macchina fotografica...