Home Arte Artissima 24, Edizione 2017: arriva il Campari Art Prize

Artissima 24, Edizione 2017: arriva il Campari Art Prize

CONDIVIDI
Artissima 24, Edizione 2017
Artissima annuncia una collaborazione triennale inedita con Gruppo Campari, tramite l’istituzione del premio Campari Art Prize.
 
Il premio è dedicato a un artista under 35 scelto tra tutti quelli presenti nelle sette sezioni della Fiera da una giuria internazionale composta da Adam Budak, capo curatore, National Gallery di Praga, Francesco Stocchi, curatore arte moderna e contemporanea, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam e Curatore Fondazione Memmo Roma, Carina Plath, vice direttrice, Sprengel Museum Hannover.
 
Il Campari Art Prize interessa trasversalmente tutte le sezioni della fiera: l’artista vincitore verrà selezionato sulla base della sua ricerca sul potere evocativo del racconto, sulla dimensione comunicativa e sulla capacità narrativa dell’opera. Il vincitore riceverà unpremio in denaro di 2.500 € e verrà ospitato con una mostra personale a budget dedicato presso il museo aziendale Galleria Campari, presso gli HQs di Campari a Sesto S. Giovanni.
 
Il nuovo premio si inserisce coerentemente tra le novità della ventiquattresima edizione di Artissima, sottolineano la vocazione della fiera alla scoperta e alla valorizzazione di talenti, riconfermandone il ruolo di autorevole laboratorio di ricerca per il futuro dell’arte.
 
“Questo premio inaugura una nuova collaborazione con un’azienda con la quale Artissima condivide la tensione verso la continua sperimentazione e l’attenzione verso i giovani artisti emergenti” racconta Ilaria Bonacossa, Direttrice di Artissima. “Gruppo Campari sarà senz’altro per la Fiera un compagno di viaggio attento con cui valorizzare nuovi talenti e spiare il futuro dell’arte contemporanea.”
 
“La prima edizione del Campari Art Prize segna l’inizio di una partnership triennale tra Artissima e il Gruppo Campari, con l’obiettivo di creare una collaborazione innovativa tra il brand e gli artisti contemporanei. Si riconferma così lo storico connubio tra il marchio e il mondo dell’arte avviato da Davide Campari oltre 100 anni fa con la continua ricerca di nuovi e inediti linguaggi, la fusione tra uno spirito imprenditoriale d’avanguardia e la ricerca artistica più sperimentale” nelle parole di Paolo Cavallo, Direttore di Galleria Campari.