A Parigi in mostra il 1932: l’anno erotico di Picasso

Pubblicità
Pubblicità

“Il nostro lavoro è un modo di tenere un diario” parola di Pablo Picasso, che con semplicità disarmante sintetizza così il tema del rapporto tra arte e vita.

Questo è il punto di partenza dell’ambizioso progetto espositivo Picasso 1932. Année erotique, dal 10 ottobre 2017 all’11 febbraio 2018 al Musée Picasso di Parigi. Un resoconto rigoroso di un anno di svolta, denso di cambiamenti e di febbrile lavorio creativo per il genio del Modernismo.

Più di 110 dipinti, disegni, stampe e sculture seguono passo dopo passo la vita e l’attività artistica di Picasso, in movimento tra l’appartamento di Parigi, lo studio nel castello di Boisgeloup e le coste della Normandia; tra la famiglia, la modella-amante Marie-Thérèse Walter e un’ampia cerchia di amici e colleghi, mentre prepara la prima memorabile retrospettiva alla galleria Georges Petit.

Picasso Mostra Parigi
Pablo Picasso, Ragazza allo specchio, 1932, olio su tela

Un simbolismo che svela le relazioni tra Picasso e i Surrealisti

Bagnanti, ritratti variopinti e innovative composizioni costruite intorno alla figura della Walter sono al centro della fervente ricerca di questo periodo, che trova il suo motore in una straripante energia erotica.

A cominciare dal capolavoro Il sogno, tra i fulcri della mostra, ogni opera porta in sé gli indizi di un vitalismo sessuale che è metafora della stessa creazione artistica: seni, falli, testicoli si nascondono dietro le innocue sembianze di frutti, elementi di un volto o corde di una chitarra. Un simbolismo rivelatore delle relazioni del pittore di Malaga con il gruppo dei Surrealisti, attivi a Parigi nello stesso periodo.

Contemporaneamente, Picasso lavora al tema della Crocifissione, mentre Brassaï, maestro della fotografia di quegli anni e scrittore di talento, realizza un prezioso reportage nell’atelier di Boisgeloup. Quei fogli che parlano dell’arte e dell’ego dell’artista, depositari di aneddoti esclusivi e di uno sguardo singolare sulla storia di un’epoca, restano appallottolati in un grande vaso a casa del fotografo per oltre 30 anni, finché si decide a darli alle stampe.

Picasso Mostra Parigi
Pablo Picasso, Nudo disteso, 1932, olio su tela

Insieme ad altri rari materiali d’archivio, le Conversazioni con Picasso hanno fornito una documentazione fondamentale per contestualizzare la produzione dell’artista, dando al percorso della mostra il ritmo e l’accuratezza di una ricostruzione giornalistica.

Nel 1932 Picasso è già un’assoluta celebrità. Le sue opere suscitano interesse dalla Spagna al Giappone, dagli Stati Uniti a Venezia. Ma non basta: vuole dimostrare di essere il più grande pittore del proprio tempo e ci riesce senza rinunciare a un rinnovamento profondo della propria arte. I quadri si fanno più piccoli e pacati, i disegni lasciano spazio a inusitate atmosfere idilliche.

Leggi anche: Gli Ambienti Spaziali di Fontana illuminano l’HangarBicocca

correlati

Rotin, la nuova collezione di Ethimo

Dalla nuova collaborazione tra Ethimo e lo Studio Zanellato/Bortotto nasce Rotin, una collezione lounge dove forma, colore e sostanza si uniscono per raccontare un nuovo modo di pensare e vivere i...

Il regalo perfetto per ogni mamma con Pandora

Se sei alla ricerca del regalo perfetto per la festa della mamma, scegli dei gioielli classici Pandora perché dimostrano tutto il tuo affetto. In questa...

Caudalie presenta la nuova linea anti-macchie Vinoperfect

Mathilde Thomas (anima della maison Caudalie) e il suo team, sono sempre impegnati a migliorare la composizione delle formule Caudalie. E’ così che hanno messo a punto nuovi...

Pezzi: il primo l’EP di Ysè

Il 26 febbraio del 2021, è uscito l'EP “Pezzi”, della cantautrice emiliana Ysè. L’EP contiene sei brani (due sono cover re-intrepretate e ri-adattate con...