De Nittis e gli altri partenopei a Parigi in mostra a Napoli

Pubblicità
Pubblicità

Le Gallerie d’Italia ospitano nella sede napoletana di  Palazzo Zevallos Stigliano, dal 6 dicembre all’8 aprile 2018 la mostra “Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo”, a curata da Luisa Martorelli e Fernando Mazzocca.

I pittori e gli scultori napoletani presenti a Parigi nella seconda metà dell’Ottocento, fisicamente o attraverso le opere inviate ai Salon e alle Esposizioni Universali, sono stati più numerosi di quelli provenienti da qualsiasi altra parte d’Italia.

La mostra ripercorre lo sviluppo della pittura napoletana alla luce di questo fenomeno che ha interessato i generi più amati di quel tempo, il paesaggio, le marine, la veduta urbana e soprattutto la cosiddetta “pittura della vita moderna”, di cui gli Impressionisti e Giuseppe De Nittis sono stati i maggiori interpreti.

Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo

De Nittis mostra napoletani a Parigi
Giuseppe De Nittis, Alle corse di Auteil (Sulla seggiola), 1883

Con una trentina di opere, di cui una mai esposta prima, De Nittis è la figura emblematica della mostra. Pugliese ma napoletano di vocazione e cultura, nel suo celebre salotto parigino, dove erano ospiti abituali tra gli altri Edgar Degas, Edmond de Goncourt, Charles François Daubigny insieme a vari protagonisti della mondanità, ha accolto gli artisti napoletani che giungevano in città.

Tra questi Antonio Mancini che proprio dall’assidua frequentazione di quel salotto riuscì a trarre ispirazione per una pittura del tutto originale. Una intera sezione della mostra è dedicata allo scultore Vincenzo Gemito di cui vengono esposti numerosi ritratti e, grazie a un prestito eccezionale dal Museo Nazionale del Bargello, il grande “Pescatore”, presentato all’Esposizione Universale del 1878.

Giuseppe Palizzi, Domenico Morelli, Gioacchino Toma, Francesco Netti, Francesco Paolo Michetti, Federico Rossano, Edoardo Tofano, Giacomo Di Chirico, Alceste Campriani sono gli altri protagonisti di questa mostra e raccontano con le loro opere come tra le pendici del Vesuvio e le rive della Senna nacque la “pittura della vita moderna”.

Leggi anche: Sgarbi porta il Museo della Follia a Napoli

correlati

Home Office con USM

Sempre più persone lavorano da casa, per scelta o per esigenze aziendali. A causa della mancanza di spazio però, la maggior parte di loro...

Lungo il Tevere…Roma, riparte la storica kermesse

Riparte la storica kermesse Lungo il Tevere…Roma con lo slogan #tiaffidoillungotevere - Dal 25 giugno ore 19.00 tanti appuntamenti culturali, teatrali, artistici e una...

La nuova e polimaterica linea di Talenti

Design ed eleganza, dialogando armoniosamente negli intrecci delle corde, disegnano nuovi scenari per l’outdoor, estendendo ancora di più gli orizzonti dell’arredamento per gli spazi...

Gustave Courbet: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Gustave Courbet è un pittore francese, simbolo del realismo artistico. Cominciò ad avvicinarsi all'arte formandosi da solo e mostrando sin da subito un innato...