Revolutija: le avanguardie russe in mostra a Bologna

Pubblicità
Pubblicità

L’arte delle avanguardie russe è uno dei capitoli più importanti e radicali del modernismo. Il periodo compreso tra il 1910 e il 1920 ha visto nascere, come in nessun altro momento della storia dell’arte, scuole, associazioni e movimenti d’avanguardia diametralmente opposti l’uno all’altro e a un ritmo vertiginoso.

Da questa riflessione scaturisce la mostra Revolutija: da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky. Capolavori dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo al MAMbo di Bologna dal 12 dicembre al  13 maggio 2018.

Un viaggio attraverso le arti che nacquero in Russia tra i primi del Novecento e la fine degli anni ’30 per riportare all’attenzione del pubblico artisti come Repin, Petrov-Vodkin o Kustodiev, rimasti un po’ nell’ombra a causa dell’enorme successo avuto da altri quali Chagall, Malevich o Kandinsky che pure sono presenti in mostra.

L’arte delle avanguardie russe: Chagall, Malevich, Kandinsky, Repin, Petrov-Vodkan, Kustodiev artisti che hanno spezzato la tradizione realista nella russia del primo ‘900

Oltre 70 opere, capolavori assoluti provenienti dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, racconteranno gli stili e le dinamiche di sviluppo di artisti tra cui Nathan Alt’man, Natal’ja Gončarova, Kazimir Malevich, Wassily Kandinsky, Marc Chagall, Valentin Serov, Aleksandr Rodčenko e molti altri, per testimoniare la straordinaria modernità delle avanguardie russe d’inizio Novecento: dal primitivismo al cubo-futurismo, fino al suprematismo e al costruttivismo, costruendo contemporaneamente un parallelo cronologico tra l’espressionismo figurativo e il puro astrattismo.

Artisti, poeti, intellettuali che avevano partecipato alla rivoluzione democratico-borghese del 1905, come testimonia in mostra il quadro 17 ottobre 1905, del 1907, di Il’ja Repin, accanto a Che vastità! del 1903. Un’insurrezione, dal carattere decisamente socialista, venne brutalmente repressa dallo zarismo, e che da quel momento spezza la tradizione culturale del realismo.

Anni in cui a Mosca la vita artistica è assai intensa, con l’arrivo della pittura francese, dai fauves ai cubisti, che trova negli artisti russi fervidi ammiratori e imitatori. Artisti però non si accontentano di accogliere le nuove esperienze occidentali, ma cercano di svolgerle ulteriormente e originalmente. Le avanguardie russe precedettero la rivoluzione di ottobre del 1917, ne furono coinvolte e per un decennio ne condivisero ed esaltarono le idee.

Leggi anche: De Nittis e gli altri partenopei a Parigi in mostra a Napoli

correlati

Il regalo perfetto per ogni mamma con Pandora

Se sei alla ricerca del regalo perfetto per la festa della mamma, scegli dei gioielli classici Pandora perché dimostrano tutto il tuo affetto. In questa...

Christian Tasso, Nessuno Escluso. Diversità ed inclusione alla Fabbrica del Vapore

Nessuno Escluso, questo il titolo della mostra fotografica di Christian Tasso dedicata ai temi della disabilità e dell'inclusiva, dal 5 al 28 maggio, alla Fabbrica...

Futuroremoto Gioielli presenta la collezione Falene

Piccole creature della notte, che popolano i sogni dei virtuosi, divengono inaspettati gioielli che muovono l’immaginazione e il desiderio di chi li indossa. È...

I borghi più suggestivi dell’Alto Adige

Tirolo è il nome del paese che si trova appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante castello da cui prende il nome. Si tratta di...