Home Arte Viaggio Sentimentale: Giosetta Fioroni al Museo del Novecento

Viaggio Sentimentale: Giosetta Fioroni al Museo del Novecento

Giosetta Fioroni Museo del Novecento Milano
Giosetta Fioroni. Viaggio sentimentale

Il Museo del Novecento di Milano, per la prima volta nel capoluogo lombardo, ospita dal 6 aprile al 26 agosto la mostra Viaggio Sentimentale dell’artista romana Giosetta Fioroni. Una esposizione monografica che presenta al pubblico la complessità tematica e linguistica di una figura di spicco della Roma degli anni Sessanta, dalla sua formazione a oggi.

Figura di riferimento della cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo insieme a Franco Angeli, Mario Schifano, Tano Festa e molti altri, Giosetta Fioroni rappresenta un’eccezione nel panorama italiano dell’arte. Fuori dal coro, fuori dalle mode, lucida ed esplosiva, l’artista ha sviluppato in oltre sessanta anni di attività un linguaggio visivo forte ed eloquente fatto di simboli, segni ed emozioni: muovendosi a suo agio tra pittura, disegno, performance, video, teatro, ceramica e moda, ha sempre intrecciato il suo lavoro alla sua vita in modo audace e romantico.

Simboli Segni ed Emozioni, Giosetta Fioroni al Museo del Novecento

“La realtà non si forma che nella memoria”, dice spesso Giosetta Fioroni citando Proust, ed è proprio la memoria il comune denominatore di tutti i temi della sua produzione artistica dal sentimento alla femminilità, dal sogno all’incubo.

In mostra oltre 90 opere, provenienti da musei e collezioni private: dagli Argenti degli anni Sessanta e Settanta alla celebre Spia Ottica del 1968, sino alle ceramiche degli anni Novanta rappresentanti teatrini, case, steli animali e vestiti, passando per il ciclo su carta Movimenti Remoti, dedicato al testo omonimo dello scrittore e suo compagno di vita Goffredo Parise. Una selezione di opere che comprende anche la produzione più recente, dedicata alla riflessione sul corpo e l’identità, come i cicli Senex e Altra Ego realizzati con Marco Delogu.

L’ordinamento della mostra segue da una parte un percorso tematico-cronologico, dall’altra sviluppa un suggestivo ritratto dell’artista, che parte dall’idea, sviluppata nei suoi lavori fin dagli esordi e strettamente connesso con il tema teatrale, del “vedere-vedersi ed essere visto”. Attraverso materiali provenienti dall’archivio Fioroni-Parise il percorso approfondisce il contesto intellettuale in cui Giosetta lavorò, collaborando con figure di spicco tra cui Goffredo Parise, Guido Ceronetti, Andrea Zanzotto, Eugenio Montale, Giuliano Briganti, Elisabetta Rasy e Sandro Penna.

Leggi anche: Project Room: la scultura contemporanea alla Fondazione Arnaldo Pomodoro