Mimmo Rotella Manifesto, a Roma una mostra per il centenario dell’artista

Pubblicità
Pubblicità

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma ospitano, dal 30 ottobre al 1o febbraio la mostra Mimmo Rotella Manifesto, dedicata aduno tra i massimo esponente del Nouveau Réalisme e della Pop Art internazionale.

L’esposizione, curata da Germano Celant e Antonella Soldaini, si propone come la più completa ricognizione scientifica sulla produzione di Mimmo Rotella (Catanzaro,1918 – Milano, 2006) nell’anno del centesimo anniversario dalla sua nascita.

Mimmo Rotella Manifesto: rielaborazione del linguaggio pubblicitario e sperimentazione tecnica

In mostra oltre centosessanta opere distribuite in sei grandi insiemi-manifesto, ognuno incentrato su una delle tecniche principali che Mimmo Rotella ha sperimentato e il cui punto di partenza è sempre la rielaborazione del poster pubblicitario.

Durante il suo viaggio, l’artista calabrese è giunto ad avvalersi del recto dei manifesti nei décollages degli anni Cinquanta e Sessanta; a sfruttarne l’aspetto astratto e materico nei retro d’affiches degli stessi anni; a ricorrere ai procedimenti fotomeccanici di produzione seriale nei riporti fotografici su tela emulsionata e negli artypos degli anni Sessanta e Settanta; a celarne il messaggio con una velina monocroma nei blanks dei primi anni Ottanta, prima di tornare al manifesto strappato con le sovrapitture dove l’artista interviene apponendo un potente segno pittorico e, negli anni Novanta e Duemila, con i décollages di dimensioni monumentali.

Questa versatilità di Rotella, uno spostamento linguistico continuo, dimostra il forte gusto per la sperimentazione, tipico della personalità dell’artista. Osservando il suo percorso artistico e avendo per la prima volta una panoramica totale del suo operato, si riesce a capire la logica sottostante alla poetica di Rotella.

Mimmo Rotella mostra Roma
Mimmo Rotella, Marilyn Monroe (Décollage), 1962

Nel percorso espositivo testimonianze, documenti, ma anche disegni, piccole opere pittoriche su tela e su carta, oltre a effaçages e frottages, trovano approfondimento in bacheche organizzate in ordine cronologico e ricche di rimandi ai lavori installati in mostra.

Emerge anche l’infinità di rapporti, lavorativi e personali, con i protagonisti del panorama culturale del XXI secolo, da Carla Accardi a Giuseppe Capogrossi e Lucio Fontana, dai Nouveaux Réalistes a Julian Schnabel, da Carlo Cardazzo a Sidney Janis, da Pierre Restany a Tommaso Trini, fino agli studiosi Giulio Carlo Argan e a Palma Bucarelli che tanto hanno influito sulla diffusione della conoscenza di Mimmo Rotella.

Leggi anche: Pollock, action painting e la Scuola di New York a Roma

correlati

Collezione P/E 2021 Schneiders Salzburg

Tradizione, qualità, artigianato, affidabilità, sostenibilità, responsabilità sociale, attenzione ai dettagli e coraggio di innovare. Da oltre 75 anni Schneiders Salzburg investe in uno stile desiderabile,...

Biennale di Belgrado 2021, The Dreamers: 4 giugno al 22 agosto

Fondato dalla città di Belgrado nel 1960, con il sostegno del Ministero della Cultura e dell’Informazione della Repubblica di Serbia, l’October Salon | Biennale...

to the everyday miracle, personale di Corita Kent a Milano

La galleria kaufmann repetto presenta to the everyday miracle personale di Corita Kent (1918, Fort Dodge - 1986, Boston). Sviluppata in collaborazione con il Corita Art Center...

Who the Bær, personale di Simon Fujiwara a Fondazione Prada

Fondazione Prada posticipa, a data da destinarsi, l'apertura al pubblico della mostra Who the Bær di Simon Fujiwara, prevista per martedì 2 marzo 2021...