Home Benessere Scrubs fai da te: ricette per pelle secca e pelle grassa

Scrubs fai da te: ricette per pelle secca e pelle grassa

442
Photo by Park Street on Unsplash
 

Al giorno d’oggi di prodotti per la cura della pelle ce ne sono davvero tanti, per tutte le zone del corpo e per ogni necessità. Nei negozi possiamo trovare creme per il corpo, sieri anti età, lozioni rassodanti, impacchi e maschere all’acido ialuronico, gel rinfrescanti e oli ricostituenti. Ma abbiamo davvero bisogno di tutte queste cose? A volte siamo così sommerse dai prodotti che finiamo per dimenticarne alcuni che sono fondamentali per una pelle perfetta: stiamo parlando degli scrubs.

Per quelli tra voi che ancora non li conoscono, gli scrub sono delle creme/paste idratanti o purificanti con all’interno dei microgranuli e che, massaggiate sulla pelle umida, hanno un effetto esfoliante. Il loro nome proviene dall’inglese ‘scrub’ che significa infatti ‘strofinare’. Banalmente, quindi, gli scrubs vi liberano da tutta quella pelle secca, morta, che impedisce ai vostri preziosi prodotti idratanti di penetrare a fondo. Inserendo questi prodotti nella vostra routine di bellezza, vedrete da subito dei risultati strabilianti.

Scrubs: come quanto e quanto si utilizzano

Un po’ come tutti i prodotti per la skincare in commercio, anche gli scrubs hanno delle ‘istruzioni per l’uso’. Vediamo insieme in che modo utilizzare questo prodotto.

Come utilizzare gli scrubs

Che voi decidiate di utilizzare gli scrubs su tutto il corpo o solo sul viso, le modalità non cambiano. Ogni scrub va massaggiato più o meno energicamente sulla pelle (l’intensità varia in base alla zone che state trattando) già umida; sulla pelle asciutta avrebbe un affetto abrasivo e potreste lesionare la cute. Vi consigliamo si massaggiare il prodotto con movimenti circolari, così da stimolare anche la circolazione del sangue. Ovviamente, dopo aver usato un qualsiasi tipo di scrub dovrete risciacquare la pelle e applicare i vostri prodotti idratanti per la pelle.

Esistono scrubs più o meno intensi a seconda delle tipologie di pelle e dellla parte del corpo da trattare. Se avete una pelle molto sensibili, vi consigliamo degli scrub leggeri e più delicati, magari naturali, per evitare reazioni troppo forti. Per tutti gli altri tipi di pelle andrà bene invece un normalissimo scrub.

In commercio inoltre troverete due tipologie di scrub, quello per il viso e per il corpo. Vi chiederete ‘perché devo usare due prodotto diversi e non uno solo per tutto il corpo’? Questo perché la pelle del viso è molto più delicata di quella del resto del corpo, per questo avrete bisogno di scrubs meno aggressivi.

Quando utilizzare gli scrubs

Lo scrub viso generalmente va fatto la sera. Questo perché l’esfoliazione potrebbe causare un leggero rossore ed è meglio quindi avere a disposizione qualche ora (o tutta la notte) per far calmare la pelle. E’ consigliabile ad esempio fare uno scrub intenso sulla pelle del corpo per eliminare i residui di pelle morta dell’abbronzatura. In questo modo non avrete quelle antiestetiche macchie scure e secche e il vostro colorito sarà uniforme.

Gli scrub sono molto utili per le donne prima della depilazione; se avete in programma una visita dall’estetista per una ceretta nel pomeriggio, fate uno scrub alle gambe la mattina. In questo modo eviterete quegli antiestetici peli incarniti post ceretta.

Quanto utilizzare gli scrubs

Una volta provati i benefici degli scrub, siamo sicuri che non potrete farne più a meno. Ma state attenti perché questa non è una semplice crema idratante che va applicata giorno e notte. E’ vero che lo scrub vi libera dalla pelle morta ma è vero anche che elimina il primo strato dell’epidermide, quello più superficiale. Per questo motivo è bene non abusare di questo prodotto.

Generalmente, se avete la pelle molto sensibile e secca, vi consigliamo di utilizzare gli scrubs (soprattutto sul viso) 1 volta ogni 10 giorni. In questo modo non correrete il rischio di seccare ulteriormente la vostra pelle o causare lesioni. Se la vostra pelle è normale o grassa, vi consigliamo lo scrub (soprattutto viso) una volta a settimana.

Non fatevi prendere la mano e siate delicati, soprattutto nella zona del viso. Risciacquate il viso prima con acqua tiepida per eliminare ogni residuo e poi con acqua fredda; lo shock termico è una manna per la circolazione. Asciugate poi delicatamente il viso, senza sfregare, e applicate una bella crema idratante meglio se naturale e senza profumo. I profumi contengono alcol che potrebbe irritare o bruciare una pelle già abbastanza irritata. Se la crema si riassorbe subito sulla pelle, applicatene un altro strato e lasciate che anche quest’ultimo venga assorbito.

Scrubs pelle secca

Photo by Lumin on Unsplash

Quando si parla di pelle secca, screpolata o disidratata l’ultima cosa a cui si pensa è proprio uno scrub. Tuttavia, anche le pelli secche hanno bisogno di essere esfoliate per rigenerarsi ma hanno bisogno di qualche accortenza in più.

La pelle secca è generalmente più delicata bisogna scegliere di scrubs giusti o affidarsi a una brava dermatologa per qualche consiglio specifico. Per questa tipologia specifica di pelle consigliamo, soprattutto per la zona del viso, uno scrub molto più leggero. In commercio ce ne sono tanti e li distinguete dai microgranuli molto più sottili; a contatto con la pelle queste particelle vi libereranno dalla pelle morta senza lesionarla.

Gli scrubs, quindi, non devono necessariamente essere aggressivi e irritanti. Per le pelli più sensibili, ad esempio, ci sono in commercio scrubs a base oleosa con microgranuli vegetali che si dissolvono velocemente a contatto con la pelle. Usando questi prodotti avrete esfoliazione e idratazione in un colpo solo, senza irritazione.

Scrubs pelle grassa

Proprio come la pelle secca, anche la pelle grassa ha bisogno di cure speciali e prodotti specifici per ritrovare il suo equilibrio. Se avete una pelle molto grassa, che tende a lucidarsi durante la giornata e che spesso produce acne o punti neri, ci sono molti prodotti che potete utilizzare.

Innanzitutto, non pensate che la pelle grassa sia meno delicata di quella secca perché non è cosi. La sovrapproduzione di sebo può avere tante cause differenti più o meno importanti. Può derivare semplicemente dall’utilizzo di prodotti sbagliati per la pelle o può avere invece origine da disfunzioni ormonali. Se avete già provato di tutto e non avete ottenuto risultati, è bene che consultiate uno specialista.

La pelle grassa è caratterizzata di solito da uno strato di sebo che dà lucidità e/o dalla presenza di pori dilatati e impurità diffuse soprattutto sul viso. Questo lucido altro non è che sebo, prodotto in quantità sovrabbondante dalle ghiandole sebacee. Per evitare di irritare queste ghiandole ancora di più, ottenendo quello che in gergo viene chiamato effetto ‘rebound’ bisogna utilizare i prodotti giusti. Insomma, se sbagliate prodotto e ne usate uno troppo agressivo la situazione protrebbe peggiorare.

Leggi anche: Ritenzione idrica cosa fare: cause, rimedi e rimedi naturali

Gli step fondamentali della skincare routine per la pelle grassa sono:

  1. Detergere delicatamente (sapone)
  2. Esfoliare la pelle (scrubs)
  3. Contrastare la proliferazione batterica (luce blu)
  4. Incoraggiare la chiusura dei pori (toner)
  5. Idratare in profondità (crema o gel)

Questi step servono per riequilibrare la pelle ed evitare una maggiore produzione di sebo. Lo step che interessa noi è il secondo. Lo scrub per le pelli grasse è fondamentale, soprattutto se si soffre di acne o impurità diffuse. Facendo una leggera ma costante esfoliazione, si possono eliminare molto più facilmente i punti neri ed evitare inoltre che si riformino. Inoltre, eliminando le cellule cutanee morte, si stimola la rigenerazione dei tessuti quindi anche la texture della pelle cambierà visibilmente. Se manterrete la vostra routine, la pelle risulterà più liscia e compatta.

Se avete quindi la pelle grassa e avete bisogno di uno scrub, dovrete stare attenti a scegliere quelli con gli ingredienti giusti. Scrubs contenenti sostanze come tea tree oil, menta piperita, citronella o acido salicilico, aiutano a purificare la pelle e a restringere i pori dilatati. Attenzione solo alla concentrazione di acido salicilico; questo è infatti un esfoliante chimico che, usato troppo spesso, può irritare e seccare la pelle.

Scrubs fai da te

Photo by Christiann Koepke on Unsplash

Vi sembrerà strano ma si può ottenere un perfetto scrub anche mescolando in cucina pochi semplici ingredenti. Vi basterà seguire le ricette qui di seguito e scegliere quello giusto per voi. Per le modalità, scegliete quelle più adatte al vostro tipo di pelle. In ogni caso, uno anche se si tratta di prodotti naturali, non andate mai oltre uno scrub a settimana.

Scrubs fai da te per pelle secca e delicata

Per le pelle molto secche lo scrub DIY è molto semplice da realizzare. Esistono molte varianti e ricetti che non prevedono l’utilizzo di più di 2 o 3 ingredienti. Quelli più amati dalle donne (e non solo) sono quelli a base di olio e zucchero. Vi basterà unire in una ciotolina:

  • 2 cucchiai di olio d’oliva o di cocco
  • 1 cucchiaio di miele
  • 3 cucchiaini di zucchero

Mescolate gli ingredienti e poi massaggiate tutto delicatamente sul viso umido. Lo zucchero farà da esfoliante e olio e miele nutriranno la pelle. Se trovate che lo zucchero di canna sia troppo aggressivo, scegliere quello normale; state solo attenti perchè lo zucchero classico tenderà a sciogliersi più in fretta.

Chi ha la pelle secca e delicata, invece, può utilizzare uno scrub a base di yogurt. Unite in una ciotolina:

  • 2 cucchiai di yogurt bianco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 3 cucchiaini di zucchero di canna

Scrubs fai da te per pelle grassa o impura

Per le pelli grasse o impure, la difficoltà di preparazione non cambia. A variare, infatti, sono solo gli ingredienti e le ricette. Si tratta sempre di prodotti reperibili in ogni supermercato, a costi contenuti.

Uno dei scrubs fai da te che vi proponiamo è a base di uomo e limone. Unite in una ciotolina:

  • 1 album d’uovo
  • succo di mezzo limone
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna

Questo scrub, applicato nelle zone, soprattutto del viso, interessate da punti neri, vi aiuterà a tenere le impurità a bada. Attenti solo a non utilizzare lo scrub su zone acneiche e quindi in presenza di brufoli e infiammazioni.

Se il primo scrub aveva un effetto purificante, il secondo che vi proponiamo è ad azione antibatterica. Per prepararlo unite in una ciotolina:

  • 1 cucchiaio di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di yogurt bianco
  • un po’ di succo di limone

Il bicarbonato aiuterà a esfoliare dolcemente, lo yogurt idraterà la vostra pelle e quel pizzico di limone vi aiuterà a tenere l’area purificata.