Home Arte La prima personale italiana di Simone Forti a Milano

La prima personale italiana di Simone Forti a Milano

404
Simone Forti mostra Milano
© Photographer unknown | Simone sitting with a Lion Cub, Bioparco di Roma, 1968
 

ICA Milano – Istituto Contemporaneo per le Arti ospita, dal 29 novembre al 2 febbraio,  Vicino al Cuore / Close to the Heart, la prima mostra personale in un’istituzione italiana dedicata a Simone Forti (Firenze, 1935), coreografa, danzatrice e artista visiva italoamericana.

La mostra, curata da Chiara Nuzzi e Alberto Salvadori, pone l’attenzione della critica e del pubblico sulla poetica della Forti, figura chiave nello sviluppo della performance dalla fine degli anni Cinquanta a oggi.

Simone Forti, Vicino al Cuore / Close to the Heart. Un continuo dialogo tra improvvisazione e sperimentazione

Vicino al Cuore / Close to the Heart raccoglie le fasi più significative della ricerca artistica di Simone dagli anni Sessanta a oggi, raccogliendo una selezione di opere storiche e inedite – tra cui disegni, acquerelli, installazioni, video di documentazione e performance – strettamente legati alla biografia dell’artista.

L’instancabile ricerca dell’artista italo-francese oltrepassa i confini della performance stessa grazie a una pratica in continuo dialogo tra improvvisazione e sperimentazione che ben rappresenta la riflessione etica, filosofica e intellettuale proposta da ICA Milano legata al tema del vivente, fil rouge che accompagna l’intera programmazione dell’Istituzione sotto la direzione artistica di Alberto Salvadori.

Scrivono i curatori: “Per Simone Forti, interessata a conoscere la realtà attraverso il corpo, l’esperienza diretta rappresenta l’elemento principale per la comprensione del mondo circo- stante. Durante la sua carriera, infatti, ricerca artistica ed esperienze personali si fondono e si influenzano le une con le altre, caratterizzando il suo lavoro con una libertà senza paralleli che rende la sua pratica priva di demarcazioni legate a specifici generi o discipline”.

Leggi anche: La personale di Mario Surbone a Milano