Back To Dance, gli scatti di 3 fotografi sul tema della danza

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Dal 26 maggio al 25 luglio, 29 ARTS IN PROGRESS gallery di Milano presenta la mostra Back To Dance: l’esposizione, curata da Giovanni Pelloso e dedicata al tema della danza, riunisce una selezione di opere vintage e contemporanee di Gian Paolo Barbieri, Greg Gorman, Silvia Lelli e Roberto Masotti.

Pur raccontando lo stesso argomento, gli artisti interpretano il tema del movimento e della danza in modo originale e assolutamente personale, giungendo a risultati molto diversi quanto eccezionali.

Back To Dance, Gian Paolo Barbieri, Greg Gorman, Silvia Lelli e Roberto Masotti interpretano il tema del movimento e della danza in modo originale e assolutamente personale

Back To Dance mostra fotografica
Gli scatti di Gian Paolo Barbieri sottolineano l’idea della danza come battito vitale dell’esistenza, come libero momento d’ispirazione. La ricerca artistica è tesa a registrare un equilibrio di forme e un delicato segno dell’essere. La magia è nella vita che scorre e nella bellezza che si compone dinanzi ai nostri occhi. Particolare rilievo hanno, tra le sue opere esposte, alcuni scatti vintage che ritraggono Rudolf Nureyev nel 1969 e la serie di pezzi unici che ritrae il celebre ballerino Maximiliano Guerra nel suo tributo a Nijinsky.
L’arte della danza, per Silvia Lelli, sta nell’assecondare il respiro di ogni composizione. Nell’afferrare un passo di danza mentre scivola via. Scattare una fotografia è, nel suo caso, esorcizzare un’inafferrabilità presunta. Le sue immagini offrono la sensazione di aver colto l’imprendibile, restituendolo in forma percepibile. In mostra una selezione di opere vintage di tre diverse serie: alcuni scatti emblematici di Rudolf Nureyev al culmine della sua carriera, esposti per la prima volta e realizzati insieme a Roberto Masotti dal 1979 al 1981; una serie di ritratti inediti di Pina Bausch (1982-83) e il progetto intitolato “Danza Dentro, Danza Oltre” (1995 – 2014) che valorizza perfettamente la ricerca artistica personale di Silvia Lelli sul teatro e sulla danza d’avanguardia.
Infine, le immagini di Greg Gorman sono atti di visualizzazione e sintesi. L’incontenibile esaltazione dell’esercizio atletico e del gesto artistico si uniscono, come negli scatti dei celebri “Atherton twins”, in una sintesi perfetta, in un moto sospeso che supera la semplice rappresentazione di un preciso attimo. In essa convivono, in una congelata esplosione, vigore e ritmo, impeto e leggerezza.

Leggi anche: SILHOUETTE D’ARTE, LA NUOVA SFIDA DIGITALE DEL MIBACT

correlati

Black Friday: 48 ore di offerte.

La settimana del Black Friday su Amazon.it domani raggiungerà il suo culmine e per 48 ore i clienti potranno trovare numerose offerte su...

Esce su Amazon Prime Video e Chilli il docufilm su Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi, Pittrice Guerriera il docufilm sulla vicenda umana ed artistica della più famosa pittrice della storia dell'arte sarà distribuito il 25 novembre 2020, giornata internazionale...

Le iniziative del MANN per i 40 anni del terremoto dell’Irpinia

A quarant'anni dal terremoto che il 23 novembre 1980 devastò la regione Campania, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta, lo stesso giorno in anteprima...

Venezia attraverso l’obbiettivo Gianni Berengo nel documentario di Donna Serbe-Davis

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, in collaborazione con il Festival Cinemambiente, propone ,  giovedì 19 novembre, dalle ore 18.30, la visione in streaming...