Due grandi mostre su arte e tecnica al MAST di Bologna

Pubblicità
Pubblicità

Dall’8 ottobre 2020 al 3 gennaio 2021 la Fondazione MAST Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia presenta a Bologna l’esposizione dei lavori della sesta edizione del concorso fotografico della Fondazione, vinto da Alinka Echeverría, e la mostra Inventions a cura di Luce Lebart.

MAST Mostra Bologna
ALINKA ECHEVERRÍA
Apparent Femininity/Femminilità apparente, Unnamed XII, Ada, 2020 © Alinka Echeverría

MAST Photography Grant on Industry and Work, la sesta edizione del concorso fotografico della Fondazione

“MAST Photography Grant on Industry and Work”, il concorso fotografico su industria e lavoro dedicato ai talenti emergenti, presenta le opere dei finalisti della sesta edizione: Chloe Dewe Mathews, Alinka Echeverría, Maxime Guyon, Aapo Huhta e Pablo López Luz. Cinque giovani fotografi selezionati tra quarantasette candidati provenienti da tutto il mondo che hanno sviluppato un progetto originale e inedito per la Fondazione MAST.

I cinque i progetti affrontano temi di grande attualità: i danni ambientali causati dall’agricoltura intensiva, il ruolo della donna tra presente e passato nel campo dell’industria cinematografica e dell’informatica, il fascino della tecnologia e del design del prodotto industriale, l’impatto dell’Intelligenza Artificiale sui modi di vita tradizionali e l’omologazione indotta dall’industria globale della moda. Un’opportunità per confrontarsi, anche in questa sesta edizione, con le problematiche legate al mondo dell’industria e della tecnica, con i sistemi del lavoro e del capitale, con le invenzioni, gli sviluppi e l’universo della produzione. 

Inventions, arte e tecnologia a cavallo tra le due guerre mondiali

La mostra Inventions, curata da Luce Lebart con la collaborazione di Urs Stahel, allestita nella Gallery/Foyer propone invece un’ampia selezione di fotografie, prodotte tra le due Guerre mondiali,  che riuniscono le invenzioni più brillanti e geniali tra tecnologia e arte. Tutte le immagini provengono dall’ Archive of Modern Conflict di Londra e dagli Archives nationales di Francia.

Numerose invenzioni che furono realizzate e fotografate in Francia tra le due Guerre mondiali presso l’Office des inventions su iniziativa di Jules-Louis Breton, a capo del Sous-secrétariat d’État aux inventions. Breton, inventore a sua volta, voleva promuovere la ricerca scientifica e industriale, accelerando i processi e garantendo la rapida trasformazione di un’idea in un oggetto o in una macchina di pronto utilizzo. Di corredo ai progetti e alle descrizioni dettagliate delle invenzioni, le immagini ne facilitavano la valutazione e contribuivano a conservarne la traccia. Rappresentavano così una valida alternativa ai prototipi, facili da archiviare e prontamente disponibili per la presentazione di fronte alle commissioni.

La mostra, curata da Luce Lebart, storica della fotografia e curatrice e ricercatrice presso l’Archive of Modern Conflict, rappresenta la molteplicità delle invenzioni presenti nell’archivio di Breton, che vanno dagli oggetti usati per sopravvivere in tempi di crisi ai dispositivi per godere di una migliore qualità della vita in periodo di pace. Pur essendo prodotte senza intenzioni artistiche, le immagini hanno innegabili qualità estetiche e possiedono quello che si può definire uno stile fotografico, paragonabile a quello di un autore, benché non siano mai firmate

Leggi anche: VITTORIO CORCOS, LA MOSTRA RITRATTI E SOGNI A PALAZZO PALLAVICI A BOLOGNA

correlati

Riparazione quotidiana della pelle del viso con Bariéderm CICA DAILY by Uriage

Recentemente, con la pandemia globale, si è sviluppata una nuova forma di aggressione esterna causata dall’utilizzo della mascherina. La pelle infatti si ritrova in...

I backstage dei film di Alfred Hitchcock in mostra a Monza

Dopo la chiusura forzata, a causa delle restrizioni per il contenimento del contagio da Coronavirus, da lunedì 22 febbraio, riapre al pubblico la mostra...

Apre a Milano BELYAEV ART GALLERY con un’esposizione di Alexander Belyaev

Belyaev Art Gallery apre al pubblico in Via Montebello 30 a Milano inaugurando la propria attività espositiva con un progetto monografico dedicato all’artista russo...

Cardi Gallery: I Dormienti di Mimmo Paladino

Imperturbabili uomini eterni realizzati in terracotta accostando frammenti provenienti dalla stessa matrice ma combinati diversamente, ognuno con il colore unico dell'argilla utilizzata: I Dormienti...