Il Cenacolo Vinciano in alta definizione per Pasqua 2021

Pubblicità
Pubblicità

Anche quest’anno, durante le festività di Pasqua, il Refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie a Milano, che custodisce il Cenacolo Vinciano, resta chiuso a causa della pandemia ma si offre virtualmente ai visitatori.

In collaborazione con Haltadefinizione, tech company di Franco Cosimo Panini Editore, e con la Direzione regionale Musei Lombardia, l’Istituzione milanese offre la possibilità di godere comodamente da casa del capolavoro di Leonardo Da Vinci.

Una visita virtuale che accompagna curiosi e appassionati alla scoperta dell’Ultima Cena di Leonardo. Dalla nota e discussa disposizione dei personaggi attorno al desco, ai dettagli della tavola imbandita quasi invisibili a una visione normale e alle curiosità che nascondono.

Cenacolo Vinciano Haltadefinizione
Leonardo da Vinci, Ultima Cena, 1494 -1497 circa. Milano, Museo del Cenacolo Vinciano

Il Cenacolo di Leonardo Da Vinci, il capolavoro tra tradizione ebraica e quotidianità del ‘500

L’ambientazione dell’affresco è nota, gli apostoli riuniti assieme al Cristo partecipano alla cena di Pasqua ebraica, il Pesach, in ricordo dell’ultima cena consumata dagli Ebrei prima della fuga dall’Egitto. Se però il menù tradizionale di Pesach dovrebbe comprende erbe amare, pane azzimo, charoset, agnello arrostito, vino, le pietanze che compaiono nel Cenacolo dipinto da Leonardo sono molto diverse. 

L’artista fiorentino, infatti, ha imbandito la tavola rispecchiano le abitudini alimentari del ‘500. Tra stoviglie in peltro, bicchieri in vetro e  tessuti decorati, che mostrano tutta la ricerca sulla luce e la sapienza pittorica di Leonardo, spuntano piatti di anguille all’arancia, melegrane e agrumi a fette, piccoli pesci e una saliera rovesciata.

Una prova dell’attenzione per la quotidianità e per le mode alimentari introdotte all’inizio del cinquecento, con l’arrivo di ingredienti esotici, che Da Vinci mescola con rimandi ai grandi complessi pittrici del quattrocento. Una ricerca di dettagli “coevi” che  aiutavano i frati del convento ad immedesimarsi nella scena ed entrare intimamente in contatto con la figura divina.

Cenacolo Vinciano Haltadefinizione
Dettaglio de L’Ultima Cena – Leonardo da Vinci. Dal sito cenacolovinciano.org

Immagini in alta definizione alla scoperta dei dettagli e dei segreti dell’Ultima Cena di Leonardo

Tutti questi particolari e altri dettagli inediti sono a disposizione dei curiosi grazie alle immagini ad altissima definizione la tavola realizzate con l’acquisizione in gigapixel del capolavoro da parte di Haltadefinizione.

Disponibile gratuitamente sul sito del Cenacolo Vinciano e corredato di 16 approfondimenti, la visita virtuale accompagna l’utente ad immergersi tra pennellate e i particolari meno conosciuti del celebre affresco di Leonardo Da Vinci.

Leggi anche: LA RAGIONE NELLE MANI, A GINEVRA LA MOSTRA CHE PROMUOVE L’ARTIGIANALITÀ CAMUNA

correlati

Green Tea Sakura Blossom di Elizabeth Arden

La collezione Green Tea di Elizabeth Arden dà il benvenuto alla nuova fragranza Green Tea Sakura Blossom Eau de Toilette Spray – una composizione luminosa che risveglia deliziosamente...

Museo d’arte della Svizzera italiana presenta Luigi Pericle

Dal 18 aprile al 5 settembre 2021 il Museo d'arte della Svizzera italiana presenta la prima retrospettiva in Svizzera del pittore e disegnatore Luigi...

Antonello Viola per il ciclo “La forma dell’oro” | Fino al 6 maggio

BUILDINGBOX presenta fino al 6 maggio 2021 un’installazione inedita di Antonello Viola(Roma, 1966), quarto artista invitato nell’ambito de La forma dell’oro, il progetto espositivo annuale,...

Giulio Turcato. A Roma una retrospettiva alla Galleria Marchetti

Dal 15 aprile al 17 giugno 2021 la Galleria Marchetti Roma ospita a Roma Giulio Turcato. Colori mai visti, realizzata in collaborazione con L’Archivio Giulio...