Langhe: 10 cose da fare e da vedere

Pubblicità
Pubblicità

Nel basso Piemonte si trovano le Langhe il Monferrato, una terra ricca di vini ma anche bellissima da esplorare non solo col palato ma anche con gli occhi. Non a caso la zona è stata riconosciuta nel 2014 come Patrimonio UNESCO. Le sue colline a perdita d’occhio, i castelli che sembrano osservare tutto dall’alto, le esperienze, una più bella dell’altra, la rendono una meta perfetta per un fine settimana all’insegna del buon cibo, soprattutto del buon vino e dei piccoli borghi.

Langhe Experience

  1. Panchine giganti. Se cercate cosa fare nelle Langhe, una delle esperienze imperdibili è sicuramente quella di arrampicarsi su una panchina gigante e di ammirare il mondo da lassù. Tra le Langhe e il Monferrato sono davvero tantissime le panchine giganti e dai mille colori. La loro nascita risale al 2010 quando il designer americano Chris Bangle ha realizzato la prima. Lo scopo? Semplicemente tornare bambini. Ma visto il successo in pochissimo tempo l’iniziativa è diventata no profit, prendendo il nome di Big Bench Community Project per poter sostenere il turismo, il territorio e tutte le eccellenze che popolano questo luogo. Per trovarle e poterle ammirare tutte basterà ricercare su Google Maps “panchine giganti” ed eccole lì!
  2. Visita in cantina. Ovviamente a fare da padrone in questo territorio, neanche a dirlo, è il vino. E’ così che alcune delle tantissime “langhe experience” avvengono proprio in cantina o in vigna. Sempre più spesso è possibile infatti passeggiare tra le botti piene del nettare degli dei ascoltando la storia di piccoli e grandi nomi del vino italiano fino ad arrivare a degustare le loro prelibatezze.
  3. Esperienze in vigna. Ovviamente il vino non è solo in cantina, ma anzi, nasce nella vigna. E allora perché non portare anche il visitatore tra i filari del vino? Ecco quindi che nel corso degli anni sono nati tantissimi eventi, dalla tavola lunga della cantina De Stefanis fino al picnic in vigna. Uno dei più belli è sicuramente quello organizzato da Michele Chiarlo all’interno del Parco Artistico La Court di Castelnuovo Calcea. Qui non solo sarà possibile degustare il vino Chiarlo e alcuni dei prodotti locali tutti inseriti in un meraviglioso cesto da picnic in vigna, ma si potrà anche passeggiare ammirando alcune opere d’arte che sembrano uscite da una fiaba. La cascina La Court infatti ospita diverse opere nate dalla fantasia dello scenografo Emanuele Luzzati, dal sito dell’aria al sito dell’acqua fino, ovviamente, all’immancabile panchina gigante.

Langhe città e paesi

4. Barolo. Terra principalmente di vino rosso, le Langhe hanno diverse città e piccoli paesi e borghi che valgono davvero la pena. Uno di quelli immancabili è ovviamente quello che dà il nome a uno dei vini più importanti delle Langhe: Barolo. Situato a sud-est di Alba questo borgo è facilmente visitabile in giornata. Tra le attività principali, oltre a una doverosa degustazione di un buon calice, vi è una visita al Museo del Vino. Nel bellissimo castello di Barolo è infatti collocata una mostra multimediale che ne ripercorre la storia. Immancabile anche la visita all’Enoteca Regionale del Barolo nelle cantine.

langhe
Castello di Barolo, Langhe, foto di Arianna De Felice

5. Gli altri borghi. Menzionare tutti i borghi da visitare sarebbe davvero impossibile, ma qui vi lasciamo una piccola lista di quelli che, se avete tempo, sono davvero molto carini e caratteristici.

  • Alba
  • Neive, uno dei borghi più belli d’Italia
  • Nizza Monferrato
  • Serralunga d’Alba
  • Grinzane Cavour
  • La Morra,
  • Bra
  • Asti

6. I castelli. Come abbiamo già detto il territorio delle Langhe è anche terra di castelli. Anche solo viaggiando in auto è davvero spettacolare ammirarli lassù, appollaiati sulla cima di una collina. Molti sono oggi adibiti a musei o a luoghi di prestigio, come nel caso del castello di Barolo, altri invece restano com’erano in origine anche se, a volte, questo vuol dire ammirare bellissime location ma un po’ abbandonate. Tra i castelli da visitare vanno segnati in agenda almeno un paio, oltre al già citato castello di Barolo. Il castello di Serralunga d’Alba è davvero molto particolare per la sua forma allungata, mentre il castello di Grinzane di Cavour regala una vista unica con le colline delle Langhe davanti e la cultura alle spalle. Nel castello di Grinzane Cavour inoltre si trova l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour e ospita anche un museo etnografico e le riunioni dell’Ordine dei Cavalieri del Tartufo e dei Vini d’Alba.

7. La cappella colorata. Situata a pochissima distanza dal piccolo ma caratteristico borgo de La Morra, si trova una piccola cappella dai mille colori. Si tratta della Cappella del Barolo ed è sicuramente una delle più fotografate d’Italia. La piccola chiesetta, nata inizialmente come luogo di riparto per i contadini, non fu mai consacrata a luogo di culto e, dopo essere stata abbandonata, venne risistemata dagli artisti Sol LeWitt e David Tremlett.

Langhe ristoranti

8. Tra tartufo e vino. Non solo vino ovviamente, le prelibatezze tipiche del territorio delle langhe non passano solo dal bicchiere, o meglio dal calice, ma anche dal piatto. Tra i prodotti tipici della zona vi è anche il tartufo bianco d’alba e le nocciole.

9. Tra la terra e il cielo. situato nella zona del Monferrato, questo ristorante è una vera chicca. La sua location è un antico castello con tavoli sia all’interno sia nella prestigiosa terrazza. Proprio qui si ha infatti una vista mozzafiato sul territorio che diventa ancora più romantica all’ora del tramonto. I piatti sono quelli della tradizione con un rifornimento a Km 0 nei produttori locali dei paesi nei dintorni.

langhe
Il Vigneto di Roddi, Langhe, foto di Arianna De Felice

10. Il vigneto di Roddi. Il Vigneto di Roddi invece è uno dei ristoranti imperdibili della Langhe. La sua posizione, sulla cima di una collina gode di una vista privilegiata su alcuni dei più bei borghi come La Morra, Castiglione e ovviamente Roddi. La cucina invece è quella della tradizione ma rivisitata in chiave gourmet per deliziare il palato e lo sguardo! Infine qui è possibile anche scegliere un soggiorno completo riposando in una delle tante camere proposte.

correlati

La stagione estiva del Borgobrufa SPA Resort

La stagione estiva 2021 del Borgobrufa SPA Resort***** di Torgiano, in Umbria, si apre con una spettacolare novità: l’Imperial Emotion Suite & SPA. Uno spazio complessivo di 460 mq,...

La collezione CHANEL Coco Beach 2021

Volto della campagna CHANEL COCO BEACH 2021, fotografata da Oliver Hadlee Pearch, la cantante Angèle incarna giovinezza, vitalità e gioia. Dedicata alla spiaggia, questa linea presenta motivi...

Pride Month: su ARTE.TV tre documentari che celebrano i diritti e l’orgoglio della comunità LGBTQIA+

In tutto il mondo giugno significa “Pride Month”: 30 giorni per celebrare ufficialmente l’orgoglio della comunità LGBTQIA+, di cui fanno parte persone Lesbiche, Gay,...

Fondazione Carla Fendi al 64° Festival di Spoleto

Fondazione Carla Fendi farà un omaggio alla città di Spoleto, attraverso due grandi artisti che hanno vissuto e lavorato in quel territorio dalla fine...