Furla Series – Nairy Baghramian. Misfits, la mostra alla GAM di Milano

In Copertina: © Nairy Baghramian and Marian Goodman Gallery, New York:London:Paris and Kurimanzutto | Nairy Baghramian, Jumbled Alphabet, 2021 I Ph. Nick Ash

Pubblicità
Pubblicità

La GAM – Galleria d’Arte Moderna di Milano ospita, dal 26 maggio al 26 settembre Misfits, mostra dell’artista iraniana Nairy Baghramian, a cura di Bruna Roccasalva.  L’esposizione è frutto della collaborazione tra Fondazione Furla e la GAM – Galleria d’Arte Moderna di Milano, con il contributo della Fondazione Henraux per la produzione delle opere in marmo.

Nairy Baghramian farla series GAM Milano
Furla Series – Nairy Bagramian. Misfits. Installation view at GAM Ph. Nick Ash

Terzo appuntamento di Furla Series, che dal 2017 vede Fondazione Furla impegnata nella produzione di mostre e eventi dedicati ad alcuni tra i più significativi artisti nazionali e internazionali. I progetti sono realizzati in collaborazione con le più importanti istituzioni d’arte italiane.

Furla Series – Nairy Baghramian. Misfits

Prima mostra personale di Nairy Baghramian in un’istituzione italiana, Misfits è un progetto ideato appositamente per gli spazi della GAM, che restituisce alcuni nuclei fondanti della ricerca dell’artista. Dall’interesse ad attraversare e ripensare il confine tra interno e esterno, all’analisi del rapporto che lega l’oggetto estetico e la cornice istituzionale che lo ospita.

- Pubblicità -

L’artista visiva porta avanti da due decenni una rigorosa ricerca formale e concettuale che esplora la relazione tra architettura, oggetto e corpo umano. La sua riflessione sul potenziale politico della forma scultorea sostiene anche l’importanza della fisicità dell’opera, capace di incarnare idee e presupposti teorici attraverso le proprie specificità formali, materiali ed espositive.

Nairy Baghramian farla series GAM Milano
Furla Series – Nairy Bagramian. Misfits. Installation view at GAM Ph. Nick Ash

Per Baghramian ogni opera d’arte, pur nella sua sostanziale autonomia, è sempre legata al tempo, al luogo e al tessuto politico-sociale in cui è inserita. Misfits nasce dal contesto urbano in cui si trova la GAM, un giardino il cui accesso agli adulti è consentito solo se accompagnati da bambini.

Per la mostra Nairy Baghramian ha ideato una serie di sculture di grandi dimensioni realizzate in marmo e fusioni in alluminio dipinto. Sculture pensate tanto per spazi interni quanto esterni, che riflettono sul tema del gioco, come dispositivo educativo, intervenendo sugli spazi che segnano un confine.

Le forme scomposte delle sculture ricordano alcuni oggetti ludici basati sull’incastro di forme geometriche. Un punto di partenza per interrogarsi su come delusione, disadattamento, inadeguatezza e fallimento possono essere esperienze nella formazione dell’individuo. Ma anche avere una autonoma ragione d’essere come manifestazioni formali.

Leggi anche: JACQUES HENRI LARTIGUE. L’INVENZIONE DELLA FELICITÀ A MILANO

Pubblicità