“Contaminazione”: la collezione Primavera-Estate 2022 di Pomandère

Pubblicità
- pubblicità -

Pomandére interpreta il guardaroba femminile secondo il proprio stile riconoscibile e sicuro, che si distingue per la concezione e la realizzazione sartoriali di ciascun capo. Geometrie pure, tinte tenui, naturali e materiche disegnano intorno alla persona un total look sofisticato ed eternamente contemporaneo, che veste ogni giorno e ogni momento e si lascia riscoprire di continuo nell’armadio, con lo stesso piacere. Dopo un giorno, dopo qualche mese, dopo anni.

La collezione primavera-estate 2022 “Contaminazione”

I giardini verticali sono il verde protagonista di una natura rigogliosa, fiorente e presente anche in contesti urbani. L’elemento naturale diventa elemento architettonico che crea spazi nuovi, ampi, accoglienti e diversi dall’atteso. Case, grattacieli, aree urbane, stazioni che si vestono di natura, non solo nell’arredo outdoor ma soprattutto nella loro modalità costruttiva: legno e materiali sempre più naturali costituiscono la struttura delle stesse. L’architettura si “veste” di natura, creando una contaminazione tra lo spazio urbano e la natura. È su questa contaminazione che la nuova collezione P/E di Pomandère si ispira: tutto ciò che è leggero, fluido, femminile, si fonde con aspetti ed elementi più maschili, in modelli dal taglio definito e netto. Le geometrie si aprono ad una nuova interpretazione e si fondono con elementi inaspettati, creando dualismi che appaiono comunque bilanciati e coerenti. La protagonista in questa collezione è la naturalità, elemento che accorda e unisce il tutto. Tre macchie cromatiche vanno a delineare la collezione primavera-estate 2022: i colori accesi, i toni naturali e il brio dell’estate.

- Pubblicità -
 

“Contaminazione” un vero brio per l’estate

- Pubblicità -

I tessuti che compongono la collezione sono selezionati ispirandosi al tema della contaminazione. Tessuti materici e naturali come il madras e il quadro in lino caratterizzano il primo gruppo cromatico dei colori accesi che insieme ai tessuti goffrati leggeri tono su tono, micro gessati e jersey di lino a righe compongono abiti femminili e romantici con spacchi profondi, dettagli di ricamo punto smock sulle maniche e completi più rigorosi.  Il popeline rigato e il nuovo tessuto tecnico nei capospalla di trench e caban si abbinano al lurex della camiceria e dell’intimo che si declina in completi di culotte e fasce nel secondo gruppo cromatico dei toni naturali. Infine, protagonista dell’ultimo gruppo brio dell’estate è il denim per un aspetto contemporaneo e versatile, che si adatta alle varie situazioni della giornata. Il pizzo viene utilizzato in un abito allover e come entrodure nel top e nella camicia. A materiali classici e maschili come il lino, vengono abbinate nuove nuances colore come il peonia per un tocco fresco.  I colori sono accesi: l’anice ed il rosso ciliegia si uniscono alle tonalità più neutre del latte, meringa, ghiaccio e caramello. I toni caldi e naturali, che spaziano dalla sabbia al khaki e nocciola, si mescolano con i toni freddi e scuri dell’antracite e del nero. La camiceria accorpa il colore indaco mentre nel jersey viene introdotta una base fluida di viscosa per una vestibilità più femminile. Nel terzo gruppo cromatico, brio dell’estate, predominano i toni chiari del latte, limone e azzurro bleach, applicati alla camiceria, che si mescolano con declinazioni di rosanei toni lampone, peonia e mirtillo che su un fondo nero rivestono un total look di kimono e pantalone fluido in habotai di seta. A completare i look ci sono gli accessori scamosciati nelle tonalità vive. I modelli realizzati su geometrie rigorose si ammorbidiscono grazie agli elementi naturali: la fluidità, il vigore della natura, la sua forza prorompente conquistano nuovo spazio nelle geometrie urbane.

- Pubblicità -

Leggi anche: La rinascita della primavera con la Collezione Haute Couture by Chanel

- Pubblicità -
Pubblicità