Exposed. le celebrità ritratte da Bryan Adams alla Leica Galerie Milano

In copertina: Bryan Adams, Mickey Rourke, London 2005 © Bryan Adams

Pubblicità
- pubblicità -

Fino 9 luglio 2022, da Leica Galerie Milano, una mostra celebra il talento di Bryan Adams. Rocker tra i più acclamati a livello globale, negli ultimi vent’anni è costruito una solida fama come fotografo che lo ha portato a firmare l’edizione 2022 del Calendario Pirelli e a ritrarre personalità quali la Regina Elisabetta II d’Inghilterra.

- Pubblicità -

La mostra, curata da Anke Dagenhard e Denis Curti, presenta ventotto opere di grande formato che approfondiscono proprio la sua carriera da ritrattista.

Bryan Adams, Mickey Rourke, London 2005 © Bryan Adams
Bryan Adams, John Boyega © Bryan Adams

Exposed, gli scatti di Bryan Adams che scavano nella natura più intima delle celebrità da lui ritratte

Per l’appuntamento milanese dal titolo Exposed, gli scatti di Adams si concentrano su protagonisti del mondo dello spettacolo; della musica; della moda e dell’arte. Da Amy Winehouse a Ben Kingsley, da Kate Moss a Mick Jagger, da Pink a Lindsay Lohan, da Morrissey a Michael Jackson a molti altri ancora.

Ai tradizionali ritratti in studio, poi, si contrappongono quelli meno convenzionali che testimoniano il rapporto di grande complicità che Adams è riuscito a instaurare con i suoi modelli; e a scavare nella natura più intima delle celebrità. In ogni immagine si percepisce la forte presenza del fotografo; l’obiettivo della macchina fotografica di Bryan Adams non crea una barriera tra sé e la persona ritratta; la sua grande capacità è proprio quella di superare la distanza e abbracciare idealmente il soggetto.

Bryan Adams exposed mostra milano
Bryan Adams, Am Winehouse © Bryan Adams

Bryan Adams estetica ed etica, dalle celebrità ai soldati feriti nella guerra in Iraq

- Pubblicità -

Adams ha raggiunto uno straordinario successo musicale globale, fin dagli anni ottanta. Dopo un inizio da autodidatta, è diventato fotografo professionista verso la fine degli anni ’90, specializzandosi in ritratto e foto di moda. Gioco facile per lui incontrare le star, suoi colleghi. E così ha fotografato attori, modelle, cantanti, celebrità di tutto il mondo, firmando anche un celebre ritratto della Regina Elisabetta II; finito poi su un francobollo canadese.

Durante la sua carriera da fotografo ha pubblicato cinque libri: American Women (2004) che propone i ritratti di alcune influenti donne americane vestite Calvin Klein; Exposed (2012); Untitled (2015), dedicato ai suoi scatti astratti. Nelle sue foto, Adams riesce ad abbinare la dimensione estetica a quella etica, come testimoniano i volumi Wounded – The Legacy of War (2013) con le immagini di giovani soldati inglesi pesantemente feriti e mutilati durante la guerra in Iraq; e Homeless (2019) dove le sue fotografie dirette, compassionevoli e ricche di dignità, raccontano la storia di alcuni senzatetto.

Bryan Adams exposed mostra milano
Bryan Adams, Sir Ben Kingsley, London 2010 © Bryan Adams

Le sue campagne pubblicitarie sono state utilizzate da Hugo Boss, Guess Jeans, Sand, Converse, Montblanc, Omega, John Richmond, Fred Perry, Escada, Windsor, Kaldewei, Jaguar e OPEL. Il suo lavoro è stato pubblicato anche su British Vogue, L’uomo Vogue, American Vanity Fair, Harper’s Bazaar, British GQ, Esquire, Interview Magazine e i-D. È uno dei fondatori della rivista Zoo Magazine, con sede a Berlino, per la quale pubblica regolarmente le sue fotografie.

Leggi anche: STORIES, LE MAXISCULTURE DEL COLLETTIVO CRACKING ART INVADONO PALERMO

- Pubblicità -
Pubblicità