Tomoko Nagao, la personale dell’artista giapponese a Milano

Pubblicità
Pubblicità

La galleria Deodato Arte di Milano ospita, dal 27 settembre al 27 ottobre la mostra Tomoko Nagao: iridescente obsession. L’esposizione è incentrata sulla recente spettacolare e inedita produzione di Tomoko Nagao, artista giapponese che da anni contamina la grande arte occidentale con i miti della cultura manga nel solco della tendenza micro-Pop.

I lavori esposti fanno parte del ciclo Flowers, una recente produzione in vettoriale che rappresenta una rievocazione in chiave Pop dei classici vasi di fiori fiamminghi, tratti in particolare da Jan Brueghel: lo splendore delle varietà floreali, la magnificenza dei colori sono tradotti in superficie attraverso singolare rielaborazione digitale.

Tomolo Nagao e la riflessione attorno al motivo della morte attraverso il suo opposto, la vita

I fiori hana rappresentano uno dei punti cardine dell’ideale di bellezza effimera dell’estetica della cultura Giapponese, già introdotti in chiave ultra-pop da Takashi Murakami che ha utilizzato il soggetto floreale in modo seriale, tra opere uniche, stampe e capsule-collection, proposti con la faccina da “emoticon” come liaison tra l’immaginario pop occidentale e orientale.

Nell’interpretazione di Tomoko, il tema è legato alla vanitas e rappresenta l’ennesima riflessione attorno al motivo della morte attraverso il suo opposto, la vita. La scelta di questa singolare iconografia da parte dell’artista risponde al medesimo criterio che in passato l’ha avvicinata al particolare della mela bacata di Caravaggio, all’immagine di Narciso che si specchia, o alla Medusa dalla testa insanguinata, rappresentando una sorta di felice ossessione.

Tradizione giapponese dell’anime e miti della cultura occidentale

Tomoko Nagao, con i suoi lavori,  aderisce all’esperienza culturale Superflat, capace di elaborare dei dispositivi a lettura stratificata, apparentemente banali, basati sull’icona e sulla sua ripetizione “differente” dell’immagine tratta dall’antico, declinata in mille varianti.

Nelle sue opere si assiste all‘innesto della tradizione giapponese dell’anime nei miti della cultura occidentale, italiana in particolare, già peraltro setacciati dalla lunga esperienza Pop degli anni settanta e rivisitati dalle tendenze postmoderne degli anni Ottanta a cui esplicitamente Tomoko si ricollega: Caravaggio, Leonardo da Vinci, Botticelli, Tiziano, Velasquez, la scuola di Fontainebleau, Delacroix.

In questa contaminazione e rilettura del passato come presente, trovano protagonismo qualificato anche le icone dei brand più famosi, introdotte con gusto tra l’ironia e la satira, che diventano emblema del contemporaneo e della società dell’economia globale e dei consumi di massa.

Leggi anche: A Milano gli scatti tra composizione e ritratto di Alfredo Camisa

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...