Home Arte Visibile Invisibile, Liu Bolin in mostra al MUDEC

Visibile Invisibile, Liu Bolin in mostra al MUDEC

386
Liu Bolin mostra MUDEC Milano
Liu Bolin sulla terrazza del Duomo di Milano. Courtesy MUDEC

MUDEC PHOTO ospita la sua seconda rassegna fotografica, dalla sua apertura, di dicembre 2018, con la mostra dell’artista cinese Liu Bolin Visible Invisible, aperta al pubblico dal 15 maggio fino al 15 settembre. Una mostra pensata ad hoc per gli spazi espositivi del Mudec,prodotta e promossa dal Comune di Milano-Cultura, MUDEC e 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, in collaborazione con Boxart Gallery, a cura di Beatrice Benedetti.

Negli spazi del Museo delle Culture di Milano circa cinquanta opere dell’artista, tra cui un inedito della Pietà Rondanini scattato al Castello Sforzesco di Milano e la fotografia della Sala di Caravaggio, mai esposta prima, realizzata nel 2019 alla Galleria Borghese di Roma, oltre all’immagine scattata al MUDEC tra i reperti della collezione permanente del museo.

Liu Bolin e le sue performance mimetiche che raccontano il rapporto tra l’uomo e ciò che l’uomo ha creato nei secoli

L’artista cinese di fama internazionale Liu Bolin (Shandong, 1973) è conosciuto dal grande pubblico per le sue performance mimetiche, in cui, grazie a un accurato body painting, il suo corpo risulta pienamente integrato con lo sfondo. Attraverso le sue opere Bolin cerca di sviscerare le contraddizioni dell’uomo contemporaneo e di indagare nel profondo il rapporto tra la civiltà creata dall’uomo e l’uomo stesso.

Liu Bolin mostra MUDEC Milano
© Liu Bolin | Liu Bolin, Teatro alla Scala, dalla serie fotografica “Hiding in the City

 Luoghi emblematici, problematiche sociali, identità culturali note e segrete: Liu Bolin fa sua la poetica del nascondersi per diventare cosa tra le cose, per denunciare che tutti i luoghi, tutti gli oggetti, anche i più piccoli, hanno un’anima che li caratterizza e in cui mimetizzarsi, svanire, identificarsi nel Tutto: una filosofia figlia dell’Oriente, ma che ha conquistato il mondo intero, soprattutto quello occidentale.

Contraddizioni tra passato e presente, tra il potere esercitato e quello subito: è la lettura opposta e complementare della natura delle cose, documentata dalle immagini di Liu Bolin. Denuncia? Riflessione critica? Contestazione politica e sociale? Le fotografie di Liu Bolin hanno diversi livelli di lettura, oltre l’immediatezza espressiva. Dietro lo scatto fotografico che si conclude in un momento c’è lo studio, l’installazione, la pittura, la performance dell’artista: un processo di realizzazione che dura anche giorni, a dimostrazione di come un’immagine fotografica artistica non sia mai frutto di un caso, ma la sintesi di un processo creativo spesso complesso, che rivela la coscienza dell’artista e la sua intima conoscenza della realtà in tutta la sua complessità.

Leggi anche: Milano e Leonardo 500: la riapertura al pubblico della Sala delle Asse