A Luglio la personale di Maurizio Cattelan all’HangarBicocca

Maurizio Cattelan, con l'opera del 2010 L.O.V.E. in piazza della Borsa a Milano Fonte Immagine:Wikipedia Commons

Pubblicità
Pubblicità

Maurizio Cattelan torna a Milano, dopo numerose esposizioni internazionali, con una personale progettata per gli spazi di Pirelli HangarBicocca. Dal 15 luglio 2021 al 20 febbraio 2022 la mostra, dal titolo Breath Ghosts Blind, sarà un’imponente retrospettiva che ripercorre la carriera trentennale dell’artista padovano.

Affiacanno le opere “storiche” di Cattelan una serie di nuovi lavori ideati appositamente per gli spazi dell’istituzione milanese. “Una visione della storia collettiva e personale attraverso una rappresentazione simbolica del ciclo della vita” così descrive il progetto un comunicato rilasciato da Pirelli HangarBicocca.

Maurizio Cattelan torna a Milano dopo un decennio di successi internazionali

Ad undici anni esatti dall’ultima esposizione, a Palazzo Reale nel 2010, Maurizio Cattelan torna nella città meneghina che negli anni lo ha visto acclamato dalla critica e protagonista di installazioni controverse.

Milano è infatti la città che ha accolto alcuni dei più noti interventi di Cattelan. Nel 2004 l’installazione in Piazza XXIV Maggio Untitled, che ha fatto discutere per i fantocci di tre bambini impiccati su un albero. Nel 2010 è stata la volta di L.O.V.E (acronimo di Libertà, odio, vendetta, eternità) il celebre e tanto contestato “dito medio” collocato in Piazza Affari.

- Pubblicità -

Un gesto di rottura nei confronti dell’architettura del ventennio fascista e del mondo della finanza; pensato come una provocazione temporanea e alla fine divenuto uno dei simboli più amati della città.

Maurizio Cattelan mostra milano
Maurizio Cattelan, L.O.V.E, 2010 (particolare). Veduta dell’installazione, piazza Affari, Milano, 25 settembre 2010. Courtesy Archivio Maurizio Cattelan. Foto Zeno Zotti

Un “ritorno in patria” dopo anni di successi e polemiche internazionali per Cattelan. Nel 2016 la retrospettiva al Guggenheim di New York con il provocatorio America, un water in oro 18 carati. Poi la mostra alla Blenheim Art Foundation a Woodstock, nel Regno Unito, che nel 2019 fece parlare di se proprio per il furto del prezioso water. Ancora nello stesso anno la partecipazione ad Art Basel Miami Beach con l’opera Comedian, la tanto dibattuta banana attaccata al muro con nastro adesivo.

Breath Ghosts Blind, opere storiche e progetti site-specific

Breath Ghosts Blind, a cura di Roberta Tenconi e Vicente Todolí, riavvolgendo il nastro attorno alla carriera trentennale di Maurizio proporrà i temi tipici della ricerca dell’artista padovano. Prendendo ispirazione da fatti storici e simboli della società e della cultura contemporanee, Cattelan mette in luce le contraddizioni della società moderna mediando ciò che vede con un linguaggio dissacrante, un solo apparentemente goliardico ed ironico.

Affiancando opere note e creazioni inedite “la mostra si sviluppa in una sequenza di atti distinti che affrontano temi e concetti esistenziali come la fragilità della vita, la memoria e il senso di perdita individuale e comunitario. L’inedito progetto site-specific metterà in discussione il sistema di valori attuale, tra riferimenti simbolici e immagini che appartengono all’immaginario collettivo” riferisce Pirelli HangarBicocca.

Leggi anche: AARON GARBER-MAIKOVSKA LA PRIMA PERSONALE MILANESE ALLA MASSIMO DE CARLO

correlati

Pubblicità