Il Giardino delle delizie al MASI Lugano, da domenica 23 maggio 2021

Il Giardino delle delizie da domenica 23 maggio 2021 al Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano MASI | Palazzo Reali

Pubblicità
Pubblicità

Il MASI di Lugano ospita a Palazzo Reali, dal 23 maggio 2021, un’opera straordinaria: la copia d’epoca più significativa del capolavoro universalmente conosciuto di Hieronymus Bosch, Il Giardino delle delizie.

La cosiddetta “Copia di Norimberga” presentata dal MASI, è considerata la più importante di tutte le copie storiche conservate fino a oggi. Il dipinto, che riproduce il pannello centrale del trittico, è stato esposto nelle più importanti mostre dedicate a Bosch, sia a quella del Prado di Madrid tenutasi nel 2000 che a quella allestita alla Gemädegalerie di Berlino nel 2016.

Il Giardino delle delizie di Bosch (Museo del Prado, Madrid) è uno dei dipinti più famosi, ma anche più misteriosi della storia dell’arte europea. Malgrado l’enigmatico e complesso tema iconografico, la rappresentazione del paradiso e dell’inferno di Bosch ha affascinato per oltre 500 anni il pubblico e gli studiosi. Il trittico, realizzato attorno agli anni 1490-1500, è un olio su tavola di quercia. L’eccezionale significato dell’opera fu subito riconosciuto dai contemporanei. Ancora prima della morte di Bosch, furono infatti realizzate una serie di copie di pregio, in alcuni casi dipinte da pittori famosi come ad esempio il pittore di corte Michiel Coxcie o addirittura Lucas Cranach il Vecchio.

Le copie di dipinti sono state considerate negli anni sempre più come importanti documenti storici e opere d’arte degne di essere esposte. In aggiunta al loro valore artistico, esse possono contribuire alla comprensione del significato e dell’importanza dell’opera originale nei rispettivi cotesti storici. Cio è ancor piú vero nel caso in cui la realizzazione della copia è cronologicamente prossima all’originale. Quella presentata a Palazzo Reali è stata variamente datata e situata in un arco temporale che va dal 1500 al 1550-1560 circa. Essa è quindi stata dipinta quando Hieronymus Bosch era ancora in vita o al più tardi poco più di 40 anni dopo la sua morte, avvenuta nel 1516. Le altre copie storiche rinvenute si concentrano soprattutto sulla composizione, raramente viene imitato lo stile e solo in casi eccezionali la tecnica pittorica. La copia esposta è particolarmente preziosa perché riprende ampiamente l’originale proprio nella tecnica e nello stile pittorico, nel modo di rappresentare le figure, nella resa della luce e delle ombre, nonché nella stesura a sottili strati del colore sullo sfondo chiaro.

Oggi lo strato pittorico della copia si trova su tela, ma in origine il supporto era invece una tavola, probabilmente del tipico legno di quercia olandese, come suggeriscono il caratteristico craquelé e il segno delle giunture impresse nello strato di pittura prima del suo trasferimento su tela. Tali interventi venivano effettuati soprattutto per ragioni di conservazione, generalmente a seguito del danneggiamento del supporto ligneo. È un caso fortunato che si sia conservata proprio la presente copia, molto vicina all’originale sia per l’attenzione al dettaglio che per il formato, che si suppone sia stata eseguita nelle dimensioni reali con l’aiuto di un cartone, proprio davanti all’originale. Ciò la rende estremamente preziosa anche in qualità di documento storico-artistico dato che l’originale del Prado lamenta molte lacune, in parte colmate dai diversi restauri succedutisi nel tempo, non sempre però in grado di restituire l’impostazione originale.

Il Giardino delle delizie è una celebrazione della primavera e della speranza. In un periodo in cui molte cose che abbiamo dato per scontate sono state messe in discussione, in cui la fragilità della vita tardo medievale può essere meglio compresa e in cui la rinuncia forzata a numerosi aspetti piacevoli della vita umana si è protratta per parecchio tempo, il capolavoro di Bosch può forse renderci particolarmente consapevoli delle gioie della vita.

Il MASI ha quindi colto molto volentieri l’occasione di poter mostrare al suo pubblico questa copia storica di straordinaria qualità. La qualità pittorica da sola giustifica tale scelta e il momento, che ci prospetta l’imminente ritorno di quei piaceri terreni negati, non potrebbe essere più favorevole. Siamo molto grati al collezionista per aver concesso il prestito di quest’opera che, senza alcun dubbio, meriterebbe un posto di rilievo in qualsiasi collezione museale.

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...