Giorgetti al 60° Salone del Mobile a Milano

Pubblicità
- pubblicità -

Una ricerca sempre più sofisticata su lavorazioni e materiali, nuove tipologie di prodotto, che aprono nuove frontiere e nuove prestigiose collaborazioni, il tutto con un occhio sempre attento alla sostenibilità che ormai da anni guida le strategie del Brand. Giorgetti presenta la nuova collezione 2022 al suo 60° Salone del Mobile e svela il futuro nuovo indirizzo in città.

- Pubblicità -

Con la determinazione e passione che da sempre la contraddistinguono, Giorgetti continua a dare forma al proprio universo abitativo e celebra il 60° anniversario del Salone del Mobile, che vede la partecipazione dell’azienda fin dalla sua prima edizione, presentando la propria visione creativa con una collezione sempre più articolata e sofisticata. Un insieme straordinario di progetti iconici, che raccontano la passione di Giorgetti per i dettagli e la continua ricerca dell’eccellenza, attraverso l’altissima qualità dei materiali, lavorazioni sartoriali e una ricerca maniacale su finiture, forme, texture e colori che rendono ogni proposta sempre unica.

“Giorgetti negli ultimi anni ha lavorato con un obiettivo molto chiaro, ovvero riaffermare la propria leadership nel settore lavorando in termini di ricerca e sviluppo per proporre forme, materiali e lavorazioni sintetizzate in prodotti capaci di rappresentare un mix unico di artigianato e tecnologia. La nostra missione vede al centro il cliente e la nostra capacità di premiarlo con un servizio unico attraverso soluzioni che sappiano promuovere non solo la bellezza ma anche la funzionalità. La nostra aspirazione è che i nostri clienti vivano giornalmente i nostri prodotti, perché quando un prodotto rimane con noi e viene vissuto ogni giorno, cambierà insieme a noi. Incorporerà i ricordi della vostra vita. Questo è il lato poetico del design che non dovremmo mai dimenticare.”

Giovanni del Vecchio, CEO Gruppo Giorgetti

Dal living, al dining, alla zona notte, la nuova collezione 2022 riconferma anche la capacità dell’azienda di disegnare spazi e progetti architettonici completi per offrire al proprio cliente un progetto d’interior totale e di proporre un vero e proprio lifestyle Giorgetti lavorando su proposte dall’esprit decorativo.

- Pubblicità -

Giorgetti continua inoltre a farsi interprete della trasformazione della casa in un luogo sempre più flessibile e multitasking, teatro di nuovi stili di vita. Un’evoluzione che racconta una visione dell’abitare fluida e trasversale che valica le mura domestiche e permea sempre più anche i luoghi dell’ospitalità.

Tra i temi cardine della collezione 2022 e vero proprio pilastro della strategia aziendale, la sostenibilità continua a concretizzarsi nelle scelte operate ogni giorno dal Gruppo in termini di responsabilità economica e ambientale, tutela e valorizzazione delle risorse umane e innovazione dei prodotti e si traduce quest’anno anche in nuove proposte dalla visione green, risultato del riutilizzo di materiali di scarto della produzione Giorgetti in un’ottica di circolarità.

Con lo sguardo rivolto in avanti ma ancorato al proprio heritage, Giorgetti mette sempre a disposizione del pensiero creativo di designer di fama internazionale, con cui collabora di anno in anno, il proprio prezioso patrimonio. Carlo Colombo, Roberto Lazzeroni e Dainelli Studio sono ancora una volta protagonisti delle nuove collezioni Giorgetti, a cui si aggiungono le prestigiose firme di Dante O. Benini con Luca Gonzo e Mauro Lipparini che arricchiscono il percorso dell’azienda con nuovi approcci e visioni.approcci e visioni.

Ne nasce una collezione che esprime la capacità di Giorgetti di anticipare le richieste del mercato e offrire soluzioni inedite, osando dove nessuno lo aveva mai fatto prima, che viene presentata nello stand Giorgetti al Salone del Mobile e nei rinnovati ambienti dell’Atelier di via Serbelloni e dello Store di via Durini.

La presenza del brand in città quest’anno si moltiplica con una quarta location in via della Spiga 31: con un’installazione speciale Giorgetti svela suo il nuovo futuro indirizzo milanese.

A orchestrare le presentazioni dell’azienda, l’Art Director Giancarlo Bosio che, come un esperto alchimista, mixa arte e design, eleganza e sofisticatezza, decorazione e rigore, ingredienti che fanno parte del DNA dell’azienda, dando vita ad un nuovo e inaspettato racconto che sa emozionare e stupire.

GIORGETTI @SALONE DEL MOBILE – HALL 5 STAND G07-H10

Una struttura architettonica appena accennata che si definisce in un gioco grafico, ottenuto con un sistema di elastici black al cui interno prendono vita le atmosfere tipiche del mondo Giorgetti. L’azienda torna al Salone del Mobile con il suo linguaggio raffinato e sofisticato e una nuova collezione in cui colore e scelte materiche contribuiscono alla creazione di atmosfere uniche.

Interconnessione è la parola chiave che definisce la presentazione. Materiali e colori evocano luoghi vicini e lontani, le linee geometriche si intrecciano con il décor e l’artificio dell’arte dialoga con la natura. Legno, pelle, marmo, metallo, dettagli tessili si affiancano a nuove finiture e materiali che esprimono lo spirito più decorativo di Giorgetti scandendo il ritmo compositivo di questo spazio. Dalla ricchezza dei nuovi tessuti che prendono ispirazione dal mondo dell’arte, ai nuovi marmi come la Labradorite Lemurian del Madagascar e il Palissandro Tigrato del Piemonte, caratterizzati da riflessi e venature davvero uniche, al motivo grafico di Anthology, una superficie decorativa intarsiata nata dal riutilizzo di legni di scarto della produzione Giorgetti.

Design e arte si intrecciano nello spazio dello stand raccontando la visione stilistica di Giorgetti che si alimenta nelle contaminazioni creative. Nel DNA del brand la convivenza del moderno con l’antico, che prende forma con la Galleria Oblong Contemporary Art e le opere di Stefano Bombardieri, con la Galleria Brun Fine Art per l’antiquariato e con le sculture di Fabio Bix e Vito Valentino Cimarosti.

Il percorso espositivo dello stand si sviluppa in dieci ambientazioni che mettono in scena le novità Giorgetti insieme alle più recenti proposte e ai prodotti iconici. La presentazione si apre con un’ambientazione outdoor, incorniciata da un giardino verticale, dedicata alla presentazione della collezione ALDÌA di Carlo Colombo, un sistema completo di arredi che può vivere sia in interni che negli spazi open air, studiati per definire lo spazio con eleganza e regalare a chi li vive un’esperienza sensoriale.

Lo spazio outdoor si apre su una prima ambientazione living, dove protagonista è una grande composizione del nuovo divano modulare SoHo disegnato da Carlo Colombo. Un vero e proprio sistema dal tratto essenziale, leggero, aereo disponibile in due profondità e in innumerevoli composizioni che integrano a scelta tavolini in legno o intarsiati.

La presentazione continua in un’area relax che introduce il nuovo tavolo da gioco FLAMINGO, un oggetto del desiderio che richiama le atmosfere dei casinò, il rituale che accompagna il gioco, ma anche l’immagine borghese delle più affascinati capitali mondiali, accompagnato dalle poltroncine ANNETTE.

L’area gioco è incorniciata dalle cucine GK.01 e GK.03 e dall’armadio MIYABI.
Per le due pareti della cucina, colonne, basi e schienali in marmo zebrino a venatura continuativa tra le ante, nuovi accessori, dettagli tecnici e personalizzazioni per mostrare le capacità del brand di mixare prodotto standard e custom. Nella parte centrale dell’area, le colonne con elettrodomestici ai lati e la zona dedicata alla cottura e al lavaggio si chiudono completamente con ante che scorrono e magicamente si impacchettano; sono rivestite con il nuovo intarsio Anthology, anche presente su altri prodotti 2022.

Segue la zona dedicata alla “suite presidenziale” dove le forme architettoniche della nuova scrivania G-CODE DESK di Dante O. Benini e Luca Gonzo, sono accompagnate dalle poltroncine MONTGOMERY di Dainelli Studio e dal paravento BOREALIS di Roberto Lazzeroni.

Il percorso creativo di Giorgetti si alimenta negli anni nella collaborazione con brand che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy e che ne condividono gli stessi valori di unicità, tradizione, savoir-faire artigiano e design. Da questo approccio nasce la collezione di accessori sviluppata insieme a Pineider in un progetto che ha portato a collaborare due marchi accomunati dalla stessa identica filosofia per la qualità, la passione per il dettaglio, l’artigianalità e la tradizione che guarda alla contemporaneità. Atmosphere si arricchisce così di una serie di contenitori in pelle, pensati sia per la zona notte che per l’ufficio per contenere e tenere al sicuro oggetti cari e preziosi come orologi, gioielli ma anche documenti o penne.

La zona notte si struttura sulla cabina armadio con Reiwa e Miyabi, ed è dedicata al nuovo letto VIBE di Carlo Colombo, ispirato al design degli anni ’30 con un importante testata imbottita, e al vanity EDWARD di Dainelli Studio dalle linee morbide e la sagoma flessuosa, accessoriato con specchio e vani contenitori.

Al centro dello stand, i nuovi tavolini GRIFFE di Giancarlo Bosio e di Giorgetti R&D, oggetti-gioiello che prendono forma nel dialogo fra materiali ricercati, sono incorniciati dall’armadio MIYABI con ante, fianchi e fondale trasparenti che creano una sorta di vetrina da cui ammirarli.

GIORGETTI @FUORISALONE

L’Atelier Giorgetti, di via Serbelloni, una dimora privata di 500 metri quadrati che mette in scena il lifestyle del brand, si presenta per l’occasione come uno spazio abitato da voci creative diverse dove il dialogo tra arredi e opere d’arte creano una dimensione coinvolgente, un insieme armonioso ed elegante. Collaborazioni continuative con Brun Fine Art per gli oggetti di antiquariato, recenti con la Galleria Oblong per le opere d’arte contemporanee e, infine, temporanee per la Milano Design Week con l’artista piemontese Nicola Bolla e i suoi Pappagalli realizzati in cartapesta ricoperti con carte da gioco.

Gli spazi, che si susseguono uno dopo l’altro, accolgono le icone di Giorgetti insieme ad alcune delle nuove proposte come il divano SoHo, il tavolo da gioco FLAMINGO e ancora i tavolini GRIFFE e le sedie MONTGOMERY, rivelando la capacità del brand nel mettere in scena veri e propri ambienti completi. Giorgetti è presente a Milano con tre location che si animano nella vitalità del Fuorisalone.

Lo Store milanese di via Durini, invece, rinnova i propri spazi puntando sulla combinazione tra colori neutri, finiture materiche e tessuti e materiali decorativi. Tra i nuovi prodotti presentati, al primo piano una nuova composizione del divano modulare SoHo insieme alle poltroncine MONTGOMERY e ai tavolini GRIFFE.

Il tavolino tondo RAY completa una seconda area living, accompagnando le linee organiche del divano VESPER, incorniciata dal prezioso gioco di pieni e vuoti del paravento BOREALIS.
Il tavolo da gioco FLAMINGO si contraddistingue per le sue linee scultoree e armoniose.
Al piano terra, il letto VIBE è caratterizzato da una fascia in pelle che delinea il profilo della testata.

In via della Spiga 31, nel cuore del Fashion District, l’edificio che ospiterà il nuovo indirizzo Giorgetti, invita i passanti a scoprire, attraverso le vetrine, l’allestimento progettato dall’Art Director Giancarlo Bosio che trasforma il piano terra in un palcoscenico unico per raccontare la capacità tecnica, artigianale, artistica di Giorgetti.

Uno spazio etereo, dove le leggere e sinuose scocche dell’iconica poltrona Move, disegnata da Raffaella Pugliatti, galleggiano nello spazio come delle sculture sospese in un mondo astratto, mentre le pareti specchianti creano un effetto caleidoscopico dal grande effetto scenografico. Simbolo dell’unicità e dell’eccellenza di Giorgetti, Move esprime la maestria artigianale tramandata da generazioni che incontra la ricerca tecnologica contemporanea. Tra le strutture galleggianti, una star: una Move in versione speciale e unica, attrice protagonista di un progetto internazionale che verrà svelato in autunno.

- Pubblicità -
Pubblicità