10 architetture italiane. Una nuova generazione di architetti a Triennale Milano

Triennale Milano presenta dal 22 dicembre 2022 al 29 gennaio 2023 la mostra 10 architetture italiane.  Curata da Matteo Ghidoni, Enrico Molteni e Vittorio Pizzigoni, l’esposizione affronta l’opera di una generazione di architetti italiani che sta iniziando ad affermarsi sia in Italia che all’estero.

In mostra i progetti di dieci studi di architettura i cui fondatori hanno intorno ai trentacinque anni d’età. Ognuno dei dieci progetti – tre ville, un polo ricettivo, un teatro, una galleria, un negozio, un portale, una loggia e un giardino pubblico – è rappresentato attraverso un modello, con l’intento di offrire uno sguardo, non esaustivo, sul presente dell’architettura nazionale.

10 architetture italiane. Una nuova generazione di architetti italiani

Gli studi partecipanti e le opere sono: AMAA Office, Teatro a TerniArmature GlobaleDeutscher–Irving House V1 a ColonnoAssociates Architecture, Extra– ordinary Gate a Logrono, Spagna; BB (Alessandro Bava e Fabrizio Ballabio) con Effe MinelliLoggia in Val d’ArnoFondamentaVilla RP02 in Val di NotoParasite 2.0Galeria e Bregdetit a Valona, AlbaniaStudio OssidianaHorismos spazio pubblico a Vleuten, Paesi BassiSuperSpatialBorgo Ognissanti a FirenzeSupervoid ArchitectsLa Mistica, RomaVG13 ArchitectsVilla a Marrakech, Marocco.

10 architetture italiane mostra triennale milano
10 architetture italiane, Triennale Milano I Ph. Gianluca Di Ioia

Sono state selezionate solo opere costruite, o in corso di costruzione, per ribadire il fatto che l’architettura ha nella realizzazione fisica la sua principale prova e conferma. Alcuni progetti sono realizzati in Italia altri all’estero, alcuni in città più o meno grandi, altre in periferia o in piccoli paesi, altre ancora in aperta campagna. Anche la dimensione degli interventi varia molto, andando da edifici grandi o estesi fino a interventi molto piccoli.

Le maquettes esposte per 10 architetture italiane – rese in scala 1:5 e realizzate in colori, trame e materiali diversi, tra cui legno, acciaio, cemento, mdf e stampa in 3D – non rappresentano le intere strutture, ma ne descrivono solo alcuni dettagli. Gli elementi scelti dagli studi sono angoli, nodi, scale, pezzi di portali e di pareti, che nella loro parzialità assumono la forza di un frammento di architettura. Ciascun modello, realizzato appositamente per l’occasione da ciascuno degli studi coinvolti, è accompagnato da due fotografie che illustrano altri aspetti dell’opera costruita, e insieme ai dettagli esposti, completano il racconto degli edifici.

Leggi anche: ENEA. IL VIAGGIO E IL MITO FONDATORE DI ROMA IN MOSTRA AI FORI IMPERIALI