Home Arte Adriana Bisi Fabbri, al Museo del 900 una mostra sull’artista italiana

Adriana Bisi Fabbri, al Museo del 900 una mostra sull’artista italiana

368
Adriana Bisi Fabbri mostra Milano
L’intelligenza non ha sesso. Adriana Bisi Fabbri e la rete delle arti (1900-1918)
 

Il Museo del Novecento ospita, dal 3 dicembre al 8 marzo, una mostra dedicata ad Adriana Bisi Fabbri dal titolo L’intelligenza non ha sesso. Adriana Bisi Fabbri e la rete delle arti (1900 – 1918), a cura di Giovanna Ginex e Danka Giacon e promossa dal Comune di Milano | Cultura.

L’esposizione, collocata negli Archivi del Novecento al quarto piano del Museo si concentra sulla rilettura dell’attività artistica e delle vicende biografiche della Fabbri (Ferrara 1881 – Travedona Monate 1918) e del marito Giannetto Bisi (Ferrara 1881 – Verona 1919).

L’intelligenza non ha sesso. Adriana Bisi Fabbri e la rete delle arti (1900 – 1918)

Pittrice e caricaturista, Adriana emerge come una figura autonoma del complesso scenario artistico a lei contemporaneo. Autodidatta, incuriosita da ogni tecnica e sperimentazione con cui entrava in contatto, la volontà ferrea di essere considerata un’artista a tutto tondo la guida attraverso un’epoca e un contesto in cui molti riconoscimenti e percorsi formativi erano preclusi alle donne.

Il percorso espositivo della mostra corre lungo tre linee: la biografia di Adriana Bisi Fabbri, la passione che caratterizza il rapporto con il marito Giannetto Bisi che ne sosterrà il percorso artistico per tutta la vita e la fitta rete di relazioni che la coppia ha intessuto con i protagonisti di due decenni di arte italiana del secolo scorso. Dallo studio delle fonti archivistiche è emerso il resoconto di un panorama artistico pulsante di vita, ricco di progetti, iniziative e movimenti di cui i coniugi Bisi furono parte integrante.

Oltre duecento opere tra dipinti, disegni, grafiche e materiale documentario costruiscono uno scorcio sulla vita intellettuale di inizio secolo. Arte, giornalismo e avanguardie accompagnano il visitatore in un viaggio che da Ferrara passa per Bergamo e Milano, incontrando personaggi del calibro di Umberto Boccioni, Cesare Laurenti, Ugo Valeri, Eugenio Bajoni ed entrando in contatto con i gruppi d’avanguardia di Torino, Firenze, Venezia e Roma. Il punto di vista di Adriana Bisi Fabbri e del marito Giannetto, catturato nel fitto carteggio inedito della coppia, fornisce una chiave di lettura privilegiata del contesto in cui la coppia si muoveva, intesseva rapporti e relazioni, traeva spunto da suggestioni incontrate e si sviluppava professionalmente e sentimentalmente.

Leggi anche: Underfoot, la personale di Rebecca Ackroyd a Milano